Macerata, con il Concerto per il nuovo anno al via la stagione sinfonica della Form

MACERATA – Otto concerti, di cui due fuori abbonamento. Presentata questa mattina dal vice sindaco e assessore alla Cultura Stefania Monteverde e dal direttore artistico Fabio Tiberi la tredicesima stagione sinfonica della FORM-Orchestra Filarmonica Marchigiana al Teatro Lauro Rossi, realizzata in collaborazione con il Comune di Macerata.

“Diamo inizio al nuovo anno con la musica, un segno di speranza – afferma l’assessore Monteverde -; una bacchetta che dà il via alla stagione musicale che poi ci accompagna tutto l’anno, anche con il Macerata Opera Festival. È l’immagine perfetta per la nostra città. Quella della FORM è un’esperienza musicale qualificante, con un soggetto culturale che rappresenta l’eccellenza della nostra regione e che coinvolge i principali comuni marchigiani, da Pesaro ad Ascoli”.

Il Concerto per il Nuovo Anno è in programma mercoledì 2 gennaio, alle 21. Sul palco l’Orchestra diretta da David Crescenzi, insieme al mezzosoprano Beatrice Mezzanotte. “Eseguiremo una suite dalla Carmen di Bizet, e iniziamo così ad ascoltare le melodie dell’estate allo Sferisterio – sottolinea Tiberi -. Per questa data sono arrivate prenotazioni anche da turisti che nei prossimi giorni saranno nelle nostre terre”.

Da martedì 29 gennaio parte la serie dei sei concerti che compongono la stagione sinfonica 2019. Per l’inaugurazione due giovanissime artiste lettoni di grande talento, le sorelle Kristine e Margarita Balanas, che interpretano con energia sotto la direzione di Alessandro Cadario una delle opere più amate di Brahms – il Doppio concerto per violino, violoncello e orchestra e un’altra opera di repertorio fra le più note – la Sinfonia n. 8 di Beethoven.

Martedì 12 febbraio è prevista un’entusiasmante avventura “Mozartiana” con Hubert Soudant, Direttore Principale della FORM e specialista di fama internazionale del repertorio classico. Vengono eseguite l’Ouverture in do magg. D. 591 “nello stile italiano” di Schubert, la Suite per orchestra n. 4 in sol magg., op. 61 “mozartiana” di Čajkovskij e la Sinfonia n. 41 in do magg. K. 551 Jupiter di Mozart.

Il 27 febbraio la celeberrima “Eroica” di Beethoven, sinfonia grandiosa, dal fortissimo impatto emotivo, simbolo musicale legato all’epoca napoleonica eppure di grande attualità per i contenuti etici e i valori assoluti espressi, ruotanti attorno all’idea di eroismo e libertà, preceduta da una prima esecuzione del poema sinfonico Hades, del compositore Mario Totaro e dal Concerto per Oboe di F. Hidas, con un’interprete d’eccezione: Francesco Di Rosa, primo oboe dell’Orchestra Sinfonica di Santa Cecilia.

Il 26 marzo c’è un appuntamento dedicato ai valori del virtuosismo inteso come capacità di trasmettere al pubblico, attraverso grandi doti tecniche e interpretative, le emozioni racchiuse in una composizione musicale, incantando l’orecchio e l’animo dell’ascoltatore. Protagonisti della serata, due grandi virtuosi italiani: l’eclettica violoncellista Miriam Prandi e il contrabbassista e direttore Enrico Fagone, impegnati nell’esecuzione di un variegato e accattivante programma di musiche composte da Gentile, Čajkovskij, Bottesini e Mozart.

Quindi Pianomania, il 16 aprile. Una storia avvincente, condensata nei tre splendidi concerti in programma qui eseguiti – Bach, Mozart e Beethoven – da due acclamati pianisti marchigiani, Lorenzo Di Bella e Gianluca Luisi, che insieme tracciano, in forma di piccola-grande antologia, l’evoluzione della scrittura per pianoforte e orchestra.

In chiusura, il 2 maggio, il “mito” del clarinetto “oltre confine” Gabriele Mirabassi, in un progetto – Musicauna in collaborazione con Musicamdo Jazz – Marche Jazz Network – che a partire dalla musica di Calros Jobim porta il pubblico in una dimensione sonora, grazie anche agli arrangiamenti inediti di Massimo Morganti, superando generi e barriere musicali.

In data da definire il Family Concert, concerto dedicato alle famiglie, realizzato in collaborazione con l’Associazione Arena Sferisterio e la Civica Scuola di Musica “Stefano Scodanibbio”; sul palco, insieme ai professori d’Orchestra della FORM, i giovani dell’orchestra del “Sistema”.

“Un programma che evidenzia la forte flessibilità dell’Orchestra – conclude Tiberi – che sa spaziare dal classicismo al contemporaneo, al crossover”. Tutti i concerti iniziano alle ore 21.

La campagna abbonamenti alla stagione sinfonica 2019 parte l’8 gennaio, i biglietti sono già in vendita. Gli abbonamenti saranno acquistabili presso il botteghino di piazza Mazzini (da lunedì a sabato ore 10.30-13.00 / 17.00-20.00): il costo per 6 concerti è di 54 euro per l’intero e 18 euro per il ridotto riservato a Istituti scolastici convenzionati, Accademia di Belle Arti, Università.

I singoli concerti hanno tre fasce di prezzo: 18 euro per il biglietto intero; 12 euro per gli spettatori fino a 30 anni e oltre 60, per i possessori della Carta Giovani, per le Associazioni musicali, per i Club Services, per gli abbonati alla stagione teatrale AMAT; 4 euro per le scuole.

INFO

Biglietteria Teatro Lauro Rossi

tel. 0733 230735 | fax  0733 261570 | boxoffice@sferisterio.it

FORM-Orchestra Filarmonica Marchigiana

tel. 071 206168 | fax 071 206730 | info@filarmonicamarchigiana.com

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...