Concorso di Poesia

MARCHE – APPROVATO L’ASSESTAMENTO DI BILANCIO: “MANOVRA DI GUERRA CHE NON ALZA LE TASSE E RIDUCE IL DEBITO”.

San Benedetto del Tronto - Varato il rendiconto di gestione 2014

È una manovra di guerra che realizziamo senza inasprire le tasse a cittadini, famiglie, imprese e riducendo il debito regionale: è un “miracolo” frutto di un’azione di governo orientata al rigore, alla responsabilità e alla salvaguardia dei diritti essenziali della comunità, che ci conferma nel gruppo di regioni in Italia con la più bassa pressione fiscale”: lo dichiara il Presidente della Regione Gian Mario Spacca commentando l’approvazione da parte della Giunta regionale dell’Assestamento di bilancio 2014. “La situazione della finanza pubblica nazionale – prosegue il Presidente Spacca – è difficilissima e richiede l’adozione dei costi standard per garantire l’equità al risanamento. Inoltre, la congiuntura del Paese non da segni di risveglio, anzi rischia di avvitarsi nella deflazione, in controtendenza rispetto all’Europa. In questo scenario nazionale drammatico ha del miracoloso riuscire a salvaguardare lavoro e produzione del reddito, salute e mobilità, mantenendo i conti in ordine e riducendo il debito regionale senza alzare la pressione fiscale come invece stanno facendo quasi tutte le altre regioni d’Italia. Le Marche si confermano nel gruppo di testa delle Regioni che hanno la più bassa pressione fiscale in Italia. Tali risultati, consolidati con l’assestamento di bilancio 2014, sono il frutto di una costante azione di rigore e responsabilità, portata avanti dal Governo regionale con l’ottimizzazione dell’uso delle risorse, anche europee, e attraverso il taglio dei costi dell’amministrazione per salvaguardare i diritti ed i servizi essenziali per i cittadini e le imprese delle Marche”. “La grave situazione della finanza pubblica nazionale -ha dichiarato l’Assessore regionale al Bilancio Pietro Marcolini – si ripercuote negativamente anche sui bilanci regionali. La loro sostenibilità è messa a rischio dai continui tagli ai trasferimenti che riducono drasticamente la capacità operativa delle Regioni. In un quadro del genere, le Marche hanno consolidato un’attenta politica di bilancio che ha consentito di garantire i servizi alla popolazione, responsabilizzando i centri di spesa e contenendo gli sprechi per recuperare le risorse necessarie alle esigenze dei territori. Ma i margini operativi si sono drasticamente ridotti e rischiano di compromettere anche la possibilità di delineare gli scenari futuri. La strada da intraprendere è quella dei costi standard, dei livelli essenziali delle prestazioni e dei livelli essenziali di assistenza, in modo da non penalizzare le Regioni, come le Marche, che hanno saputo gestire il bilancio con la dovuta oculatezza e che, al contrario, rischiano di dover pagare un prezzo elevato che a loro non può essere imputato. Abbiamo chiuso l’assestamento con grande difficoltà, lavorando sul recupero di risorse dai residui passivi e perenti, rinunciando a capacità di spesa autorizzata ma non contratta, comprimendo e rinviando attività programmate; abbiamo però anche orientato interventi indispensabili per continuare a garantire la tenuta e la coesione sociale della comunità marchigiana. Abbiamo la consapevolezza di aver operato responsabilmente, all’interno di un contesto nazionale di grande difficoltà”. Approvato oggi, su proposta dell’assessore Pietro Marcolini, la manovra di Assestamento del bilancio 2014 andrà all’esame della Commissione consiliare Affari Finanziari e successivamente all’approvazione dell’Assemblea Legislativa delle Marche. Il provvedimento recepisce le risultanze del bilancio consuntivo 2013, rimodula gli stanziamenti anche in relazione alle sopraggiunte esigenze sempre più aggravate dalla crisi ed opera una riduzione della spesa regionale per far fronte al calo delle entrate tributarie regionali, prodotto dagli effetti della difficile situazione economico-sociale ancora in corso. La proposta di legge di assestamento, considerati i continui interventi statali di contenimento della spesa pubblica e di riduzione delle entrate regionali, non permette significativi margini di manovra alla politica di bilancio. L’assestamento 2014, pertanto, collocandosi in tale contesto finanziario molto critico, non può che caratterizzarsi prevalentemente per interventi di contenimento e rigore in continuità con le politiche intraprese in sede di bilancio di previsione iniziale. La manovra interviene, in particolare, sulle spese non impegnate e non impegnabili allo scopo di rispettare, anche quest’anno, gli obiettivi programmatici del Patto di Stabilità, notevolmente ridotti dalle manovre di finanza pubblica, che saranno tuttavia superati dal prossimo anno con l’introduzione del pareggio di bilancio. Le linee direttrici che hanno contraddistinto la manovra sono le seguenti: • Si è provveduto a ridurre il debito per circa 52 milioni di euro. • un’attenta analisi contabile e giuridica per ciascun settore sugli stanziamenti di spesa da ridurre; • una altrettanto attenta verifica sugli stanziamenti di spesa obbligatori al fine di assolvere agli impegni assunti entro la scadenza dell’esercizio. Nell’ambito delle riduzioni di spesa ben 900.000,00 euro riguardano le funzioni generali di amministrazione. Tra gli interventi che comunque la manovra di assestamento finanzia si segnalano, in particolare, i seguenti: • 858.000,00 euro per gli interventi di difesa del suolo; • 2.900.000,00 euro per il finanziamento dell’edilizia sanitaria; • ulteriori 2.500.000,00 euro per la restituzione allo Stato del maggior gettito della tassa automobilistica; • ulteriori 700.000,00 euro per indennizzo soggetti danneggiati a seguito di trasfusioni; • ulteriori 900.000,00 euro nel settore attività di protezione civile; • ulteriori 546.000,00 euro per il finanziamento delle aree protette; • 752.000,00 euro per gli interventi volti a sostenere lo sviluppo produttivo delle imprese artigiane ed industriali e dei servizi alla produzione di cui alla l.r. 20/2003; • 720.000,00 euro per contributi a favore di soggetti sottoposti a trattamento radioterapico; • ulteriori 253.000,00 euro per la messa in sicurezza degli edifici scolastici; • 200.000,00 euro per provvidenze a favore degli accompagnatori dei soggetti sottoposti a trapianto di organi. Anche quest’anno, la discussione dell’Assestamento, che avviene in tempi ritardati, a causa delle incertezze del quadro normativo e finanziario che coinvolge tutti gli Enti territoriali, verrà agganciata funzionalmente e logicamente alla presentazione del nuovo Bilancio armonizzato 2015-2017 che sarà approvato a breve dalla Giunta regionale..

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento