Migliorare la situazione nelle carceri marchigiane, approvata dal Consiglio Regionale la mozione in merito

ANCONA – Migliorare la situazione delle carceri marchigiane perché siano realmente centri di riabilitazione sociale e non solo di detenzione. L’Aula ha approvato all’unanimità la mozione a firma Mastrovincenzo, Urbinati, Leonardi, Busilacchi, Marconi, Carloni, Maggi, Rapa.

Partendo dai risultati dell’attività di monitoraggio portata avanti dal Garante regionale dei diritti, Andrea Nobili, l’atto chiede a presidente e Giunta regionale un intervento nei confronti del Prap (Provveditorato dell’amministrazione penitenziaria) di Emilia Romagna e Marche affinché vengano risolte le problematiche legate alla carenza, o alla non consona allocazione dell’organico, ed alle condizioni strutturali degli edifici.

Contemporaneamente vengono sollecitate iniziative utili ad individuare figure dirigenziali del Prap distinte per ogni singola regione, superando così l’attuale situazione che annovera una sola dirigenza con sede in Emilia Romagna. Nella mozione si fa altresì riferimento ai dati contenuti nel “Report 2018”, realizzato dallo stesso Garante, prendendo in esame la situazione di ogni singolo istituto, con le diverse criticità più volte denunciate.

«Dopo le numerose segnalazioni fatte pervenire alle autorità competenti nel corso dell’ultimo anno, nei giorni scorsi Nobili ha rinnovato l’appello per un intervento condiviso che ponesse al centro dell’attenzione i problemi più volte enunciati- ha sottolineato Fabio Urbinati capogruppo in Consiglio regionale del Partito Democratico- con il Garante Nobili saremo anche al Salone del libro di Torino per discutere del sistema bibliotecario delle carceri delle Marche».

 

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...