Monteprandone ecco il frustingo più buono del Piceno

MONTEPRANDONE – Si è svolta  in piazza dell’Aquila a Monteprandone, la premiazione del frustingo più buono.  Il concorso, alla sua prima edizione, è stato organizzato dall’Associazione Centopercento e ha visto concorrere venti massaie e nove attività commerciali del territorio marchigiano.

Obiettivo dei partecipanti era quello di realizzare un frustingo secondo la propria personale ricetta adoperando esclusivamente prodotti italiani. I prodotti sono stati giudicati da una giuria di esperti composta da Laura Di Pietrantonio, giornalista enogastronomica e organizzatrice di eventi, Elisabetta Gnani, giornalista e attualmente responsabile della comunicazione presso la Gambero Rosso Academy, Samuela Conti, social media manager e food photography, Tiziana Vagnoni, membro dell’Associazione e Patrizio Evangelista, pasticcere.
Ad impreziosire l’evento è stato il contributo del professor Tommaso Lucchetti che ha tenuto una conferenza sulla storicitá di questo dolce ritenuto tra i più antichi d’Italia. Ecco i premiati.
Per la categoria massaie, il frustingo più buono è stato realizzato dalla ventiseienne Jessica Capriotti che, per l’occasione, ha utilizzato tutti i segreti della nonna. Jessica si è aggiudicata una targa di riconoscimento e un super cesto natalizio arricchito da gustosi prodotti enogastronomici. Al secondo posto Anna Alfonsi, seguita dalla terza classificata Maria Teresa Almonti.
Per la categoria commercianti, invece, il frustingo più buono è stato preparato dalla pasticceria Cruciani di Centobuchi premiata con un soggiorno di una notte per due persone con ingresso spa. Il frustingo di Cruciani è stato seguito, per una manciata di punti, da quello di Ermetina Mira del ristorante San Giacomo di Monteprandone. La stessa Ermetina ha lanciato un appello a tutti i suoi colleghi affinché la forte tradizione di questo dolce venga valorizzata ulteriormente dalla volontà di sperimentare ulteriori modalità di presentazione. Ad aggiudicarsi il terzo posto il panificio Mariani di Porto D’Ascoli.
“Il frustingo è un dolce che non si realizza in poco tempo e proprio per questo motivo vorrei ringraziare le massaie e le attività che hanno partecipato a questo concorso molto simpatico” – ha dichiarato il vice sindaco Sergio Loggi – “Questa è un’iniziativa che si ripeterá anche il prossimo anno cin la certezza che crescerà ancora di più come tutto il Natale al Centopercento”- ha dichiarato Tiziana Vagnoni a nome di tutta l’associazione Centopercento.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...