Monteprandone, l’avv. Orlando Ruggieri lancia la sua sfida a primo cittadino

MONTEPRANDONE – Sarà l’ex  on.le ed avvocato Orlando Ruggieri uno dei candidati sindaci di Monteprandone. Il politioco piceno, infatti, annuncia la creazione della Società dei Poeti Estinti, gruppo che intende riscoprire la passione per le cose, per i progetti, per la politica e per sentirsi protagonisti del tempo e del nostro territorio.

“Lo scopo, chiaro e trasparente -scrive in una nota Ruggieri-  è quello di offrire spunti di discussione programmatici per le prossime elezioni, con la consapevolezza e l’umiltà di non voler imporre a tutti i costi un agenda di lavoro, ma con l’orgoglio di confrontarsi a viso aperto su un idea di Città che non si chiuda in se stessa, ma che, anzi, getti un ponte su altre realtà, persino oltre i confini provinciali e regionali, dando concretezza a quell’idea del “Marcuzzo”, che superi campanilismi sterili e prospetti una città solidale e nuova di 200.000 abitanti. Con queste finalità, Monteprandone si proporrà come Comune Capofila di un progetto per la realizzazione del distretto eco-sostenibile del piceno e del vicino Abruzzo”.

“A livello intercomunale e anche, come detto, ultra provinciale  -aggiunge Ruggieri- Monteprandone sosterrà azioni verso l’industria e l’artigianato (miglioramento della produttività e dei processi, con il coinvolgimento diretto delle Organizzazioni Sindacali; maggiore attenzione alle norme di sicurezza e igiene del lavoro, revisione dell’accordo con Consind per la sicurezza delle strade e per una viabilità migliore nella zona industriale), con l’ambizione di proporre la nostra zona, in considerazione dei tanti capannoni vuoti, come una “Little” Silicon Valley che possa attrarre nuova giovane imprenditoria e Start Up;

l’agroalimentare (sviluppo delle biotecnologie per migliorare le caratteristiche quali – quantitative di piante e animali, in difesa delle tipicità locali); la bioedilizia (incentivazione dell’uso di materiali come il legno e sistemi di costruzione ecocompatibili, fornendo risposta a nuove esigenze abitative emergenti sul mercato); le infrastrutture (miglioramento della mobilità locale, diffusione di mezzi elettrici nel trasporto urbano, copertura totale della banda larga, sistema di pulitura di fossi e scarpate); il turismo (risalto al “Panorama Piceno”); il commercio (promozione della diffusione di cultura e prodotti equo solidali e delle tipicità locali, c.d. “economia circolare”, implementazione della filiera corta, c.d. distribuzione a Km. Zero);

la pesca (ricerca di tecniche e metodologie innovative per favorire la riproduzione e l’allevamento di specie ittiche protette); la pubblica amministrazione (miglioramento dei Servizi alle Imprese e alle persone, puntando su una sempre maggiore informatizzazione e digitalizzazione) e il tessuto sociale (promozione dell’eco sostenibilità in tutte le categorie sociali, tra pensionati, giovani e bambini; diffusione della cultura eco solidale e dell’integrazione sociale, contando su Servizi Sociali efficaci e creando spazi ricreativi comuni, non escludendo per Monteprandone la proposizione di una RSA)”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...