Morti alla Rsa di Offida, martedì la decisione del Tribunale del Riesame

ASCOLI PICENO – Ancora pochi giorni e si saprà se potrà uscire dal carcere Leopoldo Wick, il 57enne di Grottammare arrestato con l’accusa di omicidio premeditato volontario di otto anziani e del tentato omicidio volontario premeditato di altri quattro, tutti ospiti della Rsa di Offida.

Il Tribunale del Riesame ha infatti fissato per martedì prossimo, 7 luglio, la valutazione del ricorso presentato dagli avvocati Pietropaolo e Filipponi contro l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice delle indagini preliminari del tribunale di Ascoli Annalisa Giusti che ha accolto l’impianto accusatorio della Procura.

I due legali hanno chiesto la scarcerazione del loro assistito, rinchiuso nella casa circondariale di Marino del Tronto dal 15 giugno, giorno in cui è stato arrestato dai carabinieri. Gli avvocati Filipponi e Pietropaolo hanno fin da subito sostenuto che a loro avviso non vi sono elementi che giustifichino la carcerazione cautelare, vale a dire il pericolo di fuga, di reiterazione del reato e dell’inquinamento delle prove.

Nel ricorso depositato al Tribunale della Libertà hanno sottolineato in particolare che l’arresto è avvenuto dopo un anno e tre mesi circa dal momento in cui Wick venne indagato dalla Procura, che non ha quindi più alcuna occasione, semmai volesse, di inquinare le prove dell’inchiesta e che se non è fuggito finora non lo farebbe, anche perché dichiarandosi innocente non ne ha alcun motivo.

Non c’è neanche l’eventuale pericolo che possa commettere il reato in quanto destinato a mansioni differenti e non a contatto con pazienti.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...