Niente ripescaggio in A2 per la H.C. Monteprandone

MONTEPRANDONE – “C’è tanta delusione. Quella di noi dirigenti e quella dei ragazzi. A questo punto proveremo in tutti i modi a regalarci una stagione ambiziosa in serie B”.

Il vicepresidente dell’Handball Club Monteprandone, Pierpaolo Romandini, commenta così la decisione del Consiglio federale che non ha accettato la domanda di ripescaggio in serie A2 della società blu.

Ci aveva sperato Monteprandone, con Cingoli che sembrava destinato al salto in A1 e quindi a lasciare libero un altro posto al piano di sotto. Ma alla fine il Consiglio del 10 luglio scorso ha accolto solo le domande di reintegro del Mezzocorona nel girone A e del Girgenti nel gruppo C.

Monteprandone ripartirà dalla B per il quarto anno consecutivo.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...