Concorso di Poesia

Pagelle Samb / Mancuso e Damonte top player, ma è stata una prestazione da squadra

SAN BENEDETTO – Le pagelle dei rossoblù, voto alto per tutti.

Aridità 7: Sicuro in ogni occasione. Fa sembrare semplici anche gli interventi di una certa difficoltà come quello su Sbaffo nel secondo tempo. Saracinesca.

Rapisarda 7: Quando accelera è praticamente imprendibile. Copre con disinvoltura la fascia e spinge sempre al momento giusto. Pendolino.

Mori 7: Carlini, Cesarini chi sono costoro? E poi Marchi, tutti annullati. The Wall.

Mattia 7: In anticipo spesso e volentieri sul suo avversario. E in crescita esponenziale e si vede. Scoperta….di Sanderra.

Pezzotti 7: Suo il cross per il 2-0 di Damonte. Sempre attento in fase difensiva e questo è un dato di fatto estremamente importante. Preciso e puntuale.

Lulli 6,5: Al rientro dopo tanta panchina ed alcuni acciacchi fisici. Può fare di più e meglio ma siamo già sulla strada giusta. Altro acquisto importante in prospettiva play off.

Bacinovic 7: Illumina di luce la manovra della Samb. Anche se pressato sa sempre ciò che deve fare. Se dovesse acquistare maggiore dinamismo sarebbe il top. Faro.

Damonte 8: Spesso criticato ed alcuni strocono la bocca quando lo vedono in campo. Però per fisicità e acume tattico è imprescindibile per la Samb. Ed è arrivato anche il suo primo gol in rossoblù. Granatiere

Mancuso 8: Novello Re Mida. Trasforma in oro tutto ciò che tocca. Venti reti realizzate, raggiunge il record di Francesco Chimenti realizzato nella stagione 1973-1974.

Sorrentino 6,5: Corre tantissimo. Fondamentale il suo pressing su Genevier, play maker della Reggiana. Gli impedisce di ragionare ed allo stesso tempo fa a sportella con i centrali emiliani.

Di Massimo 6,5: Suo il cross per il gol di Mancuso. In precedenza, spreca una chiara occasione da rete, ma non si demoralizza e dà il suo contributo anche in fase di copertura.

Vallocchia 6: Venti minuti in cui fa sfoggio di tutto il suo repertorio. Velocità, dribbling e colpi ad effetto.

Candellori e Bernardo: Entrambi hanno tra i piedi il pallone del tris. Pronti ad ogni evenienza.

Sanderra 7: Ha preparato la gara con la Reggiana in modo egregio. Pressing, squadra corta ed armonica. Il lavoro alla fine premia e quello che il tecnico romano sta facendo in questi ultimi mesi inizia a dare i suoi frutti. La prova del nove sarà la trasferta di Teramo.

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento