Concorso di Poesia

Pedaso – Terza vittoria consecutiva dell’Icubed

Pedaso - Icubed, intervista al coach Camarri

Terza vittoria consecutiva per l’Icubed Pedaso, che supera Gubbio solo nel finale di una partita rivelatasi piuttosto complessa. La giovanissima formazione umbra ha infatti giocato con sfrontatezza, trascinata da un ottimo Santantonio, e ha approfittato di una prestazione certo non memorabile dei padroni di casa, incapaci di capitalizzare lo schiacciante dominio a rimbalzo (39­ 22) a causa dell’altissimo numero di palle perse, ben 22, di cui addirittura 15 nel solo primo tempo.

Gubbio è stata brava a rimanere attaccata al match anche nel momento in cui, all’inizio del terzo quarto, l’Icubed sembrava aver decisamente alzato i giri del proprio motore, ed è riuscita ad arrivare agli ultimi cinque minuti di gioco con la contesa in assoluto equilibrio; con l’inquietante spettro di un’imprevista sconfitta che cominciava a materializzarsi, gli uomini di Camarri sono stati però molto freddi e nel finale hanno sfruttato la propria maggiore esperienza, tenendo senza punti gli ospiti negli ultimi cinque minuti e portando così a casa un altro successo importante per la propria classifica.

Cronaca: Dopo la bella vittoria di Perugia,Pedaso torna sul proprio parquet per dare ulteriore
continuità ai buoni risultati di questo inizio 2015. Coach Camarri cambia il quintetto rispetto alla partita precedente, inserendo Belleggia al posto di Conti nel ruolo di pivot e affiancandolo a Carletti, Domesi, Monticelli e Di Angilla. Dall’altra parte, invece, starting five classico per Pierotti, che si affida a Venturi, Monacelli, Fiorucci, Santantonio e Boccacci.

L’inizio di partita è tutt’altro che memorabile; entrambe le formazioni incappano in numerose palle perse e il primo canestro pedasino arriva dopo tre minuti e mezzo con una tripla di Monticelli.

L’Icubed sembra piuttosto svagata e ci mette meno energia del solito, nonostante i continui richiami di Camarri, così Gubbio rimane quasi sempre avanti di qualche lunghezza, grazie anche ai nove punti nel quarto di Santantonio, e al primo mini intervallo gli ospiti sono sul +4 (12­16).

Il trend non cambia nel secondo periodo, con Pedaso che continua a perdere palloni su palloni e Gubbio che si mantiene avanti. Domesi prova a mettersi in proprio e con cinque punti in fila porta i suoi al pareggio a quota 20, ma nemmeno questo basta per mettere in ritmo i padroni di casa, che anzi subiscono un 7­0 di parziale con cui gli ospiti toccano il loro massimo vantaggio di serata sul 20­27 a poco meno di tre minuti dall’intervallo.

E’ lo stesso Domesi ad interrompere il parziale con un’altra tripla e alla fine, con quattro degli undici punti nel primo tempo di Monticelli, Pedaso riesce anche a chiudere il quarto con un passivo tutto sommato minimo (27­29), se rapportato alle 15 palle perse commesse fin lì.

In uscita dagli spogliatoi, però, per qualche minuto l’Icubed appare letteralmente trasformata. Il livello d’intensità, soprattutto in difesa, aumenta esponenzialmente; è probabilmente Ferroni il simbolo di questa ritrovata verve dei padroni di casa, perché la sua energia sui due lati del campo è a dir poco contagiosa. Nonostante il prematuro terzo fallo di Carletti, Pedaso piazza un 10­2 di parziale immediato che sembra il preludio alla fuga decisiva. Gubbio, però, è in fiducia e, con un paio di canestri difficili nel periodo di massima intensità dei padroni di casa, tampona in qualche modo l’emorragia. Passato il momento più difficile, gli ospiti si riavvicinano ulteriormente e chiudono il terzo quarto sotto di sole tre lunghezze grazie ad una tripla di Fiorucci nell’ultimo minuto del parziale (44­41).

Si entra così nel periodo conclusivo con il risultato in bilico e con Pedaso che sembra in qualche modo accusare la tensione di una partita decisamente più scomoda di quanto ci si potesse attendere. Gubbio, invece, non ha nulla da perdere e lo dimostra subito con la tripla del pareggio di Morelli. Gli ospiti sorpassano anche in un paio di occasioni e, con una bomba di Monacelli, entrano negli ultimi cinque minuti di gioco sopra di due lunghezze (51­53). A questo punto, però, per Pedaso entra in scena Conti; piuttosto silente fino a quel momento, il lungo osimano si carica sulle spalle i suoi, prima con un rimbalzo d’attacco con cui si procura i due tiri liberi del pareggio e poi con due isolamenti al gomito giocati alla perfezione e che fruttano nella prima occasione un canestro e nella seconda altri due liberi.

Dall’altra parte Gubbio si smarrisce e rimane a secco per tutti gli ultimi cinque minuti della gara e Pedaso ha quindi vita piuttosto agevole nel chiudere i conti dalla lunetta con lo stesso Conti (9 dei suoi 13 punti nell’ultimo quarto) e poi con Monticelli e Carletti.

E’ quindi arrivata la quarta vittoria negli ultimi cinque incontri per l’Icubed, che sta dunque sfruttando fin qui al meglio questo segmento abbordabile del calendario; tolta la trasferta di Campli, infatti, nelle ultime quattro partite i ragazzi di Camarri hanno infatti affrontato squadre che in classifica gli erano sotto o al massimo appaiate (Civitanova) e in tutte queste occasioni sono stati in grado di portare a casa il referto rosa. Ora sarà importante continuare questo trend anche nelle prossime due gare, che vedranno l’Icubed impegnata prima a Pesaro con il Loreto e poi in casa contro Valdiceppo.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento