Pesaro, il Consiglio Comunale approva le linee programmatiche del sindaco Ricci

PESARO – Il Consiglio comunale nella seduta di ieri (lunedì 8 luglio) ha approvato al primo punto all’ordine del giorno, l’adozione definitiva di variante al PRG vigente, relativa ad area in via Gagarin.

“Si tratta dell’area di fianco al McDonalds – ha precisato l’ingegnere Moretti responsabile dell’urbanistica – per la quale si propone il cambio di destinazione d’uso da turistico ricettivo a commerciale. “Ci asteniamo perchè riteniamo si debba costruire sul costruito – così è intervenuta la consigliera Francesca Frenquellucci a nome del Movimento 5 stelle.” La delibera è stata approvata.

Si è poi passati all’approvazione delle Linee programmatiche del sindaco Matteo Ricci, illustrate dal primo cittadino in occasione della prima seduta consiliare.

“Ho riletto attentamente il testo presentato dal sindaco in occasione della prima seduta di Consiglio – ha evidenziato Nicola Baiocchi di Prima c’è Pesaro Fratelli d’Italia- ho ritrovato questioni quali il San Benedetto, il vecchio Palas, ancora non risolte, sarebbe opportuno fare un mea culpa. Gli argomenti che non vedo trattati sono il lavoro e lo sviluppo economico. Le imprese chiedono meno burocrazia, infrastrutture, sostegno alla crisi. Il turismo non può rappresentare un’alternativa all’industria anche perché non è chiaro che tipo di turismo vogliamo promuovere. Non ho ritrovato nulla sulla sicurezza, su cui dobbiamo intervenire, abbiamo una parte della città, il Miralfiore, abbandonata.”

“Condividiamo le Linee programmatiche – ha sottolineato Luca Pandolfi di Forza Pesaro #Ungranbelpò – è fondamentale concentrare il lavoro sulla famiglia, i giovani, l’inclusione, la disabilità. Aver iniziato il programma con questi aspetti è importante”. “In merito al turismo, alla cultura e alla vivacità – ha aggiunto Pandolfi -, per Pesaro nazionale servono strategie condivise sul turismo e sulle infrastrutture con Fano e Urbino.”

“Faccio alcune riflessioni di carattere generale sul documento – ha precisato Dario Andreolli della Lega- sono Linee che si pongono in continuità con il precedente mandato, vedo segnali positivi nell’economia seppure in un quadro abbastanza negativo. Penso in particolare alla disoccupazione con un trend imprese negativo negli ultimi 5 anni, con quelle che aprono di minor dimensioni rispetto a quelle che chiudono.”

“Le famiglie risparmiano meno ha aggiunto Andreolli-, i giovani non restano, in particolare i più formati, impoverendo così il territorio. Ci sono problemi notevoli di infrastrutture, le Linee di mandato danno risposte su molti di questi punti. Il PRG è rigido per colpa della legge regionale che è la più datata e arretrata d’Italia.” “Ritengo necessaria anche una riflessione seria sulla destinazione della tassa di soggiorno – ha concluso Andreolli- perché sia investita in promozione per fare diventare il turismo, il motore dell’economia, penso ai grandi eventi, ai grandi contenitori, palazzo Ducale e i mosaici, che non sono accessibili. Questo deve essere l’obiettivo a cui tendere. Occorre creare una sinergia con Pesaro e Urbino, il brand forte è il Montefeltro.”

“Vedo tanto coraggio nelle Linee programmatiche- ha detto Massimiliano Amadori del PD- trovo la scommessa di trovare altro, oltre la manifattura, un’intuizione giusta, colta dalla maggior parte dei cittadini, si tocca con mano che la città è più viva.”

“Occorre attenzione ad una delle parole chiave, i giovani, in questo momento storico, è necessario dare spazio alle giovani generazioni, occorre formarli ad essere nuovi cittadini del mondo ma in primis ad essere bravi cittadini di questa città.  Aiutarli a trovare sbocchi lavorativi, creare per loro occasioni di partecipazione, perché siano protagonisti. Così è intervenuta la consigliera Camilla Murgia di Una città in Comune.

“Un documento con una linea politica chiara, quella del sindaco Matteo Ricci- ha precisato Rito Briglia – non condivido l’obiezione di Baiocchi che questa giunta non abbia fatto marketing territoriale, credo questo non si possa proprio dire. A Pesaro negli ultimi 5 anni si vive meglio, la qualità di vita è aumentata, la città è più viva. Facendo anche autocritica, devo dire che dovrebbero diventare prioritari i quartieri, è mancata almeno un’opera pubblica importante in ogni quartieri.”

“Secondo punto – ha continuato Briglia- le scuole, non abbiamo investito abbastanza nella manutenzione delle scuole, abbiamo speso tanti soldi per le strade, c’era l’emergenza delle asfaltature, ora tocca alle scuole.”

“Smettiamo di parlare della disabilità con un piglio patetico, la disabilità è una condizione, che permette di fare alcune cose e altre no. Se i luoghi sono accessibili, i disabili posso fare più cose. E’ un lavoro immane ma forse se iniziamo a pensare in questo modo, non ad aiutare i più deboli, ma cambiare il punto di vista, fra 20 anni la città sarà cambiata.”

La consigliere Giulia Marchionni di Prima c’è Pesaro Fratelli d’Italia, ha esposto il problema delle droghe leggere, urgente come quelle delle pesanti, proponendo ai consiglieri e alla giunta di sottoporsi a test sull’utilizzo di sostanze stupefacenti. Il consigliere Gambini è invece intervenuto dicendo che il problema non solo le droghe leggere piuttosto l’uso di alcol.

“E’ necessario promuovere la nostra manifattura in crisi- ha evidenziato Vittorio Petretti di Forsa Pesaro #Ungranbelpò – ho la sensazione che gli strumenti che ha il Comune non siano tanti, occorre maggior dialogo con gli imprenditori, sostenere le imprese nel reperire fondi europei, per esempio per la creazione di nuove imprese. Ma tali fondi devono diventare linfa vitale per il settore, che poi deve procedere in autonomia.”

Gli emendamenti approvati

Tra gli emendamenti presentati dal consigliere Andrea Marchionni, sono stati accolti quelli, per la famiglia e il sostegno alla genitorialità, il supporto alle famiglie quando c’è un malato, e la considerazione anche per le ludopatie e le dipendenze, per l’integrazione l’emendamento pensare alla mobilità urbana specifica per anziani non automuniti e alle loro esigenze di trasporto pubblico.

Per la ripresa del comporto produttivo locale diventare ente facilitatore per tutti i processi che riguardano l’industria 4.0 con particolare attenzione alle start- up e per la multimedialità e realizzare corsi di formazione finalizzati alla creazione di figure professionali per le produzioni multimediali e per i social media marketing.

Il consigliere Gambini, primo firmatario del secondo emendamento presentato e composto da tre punti, lo ha così spiegato: “Il terzo punto già illustrato da Briglia riguarda il cambiamento di prospettiva rispetto alla disabilità coinvolgendo di più le famiglie dei disabili, la seconda e terza parte riguardano l’attenzione alle tematiche ambientali, per il dimezzamento di Co2 per ridurre l’inquinamento, togliendo le automobili dalle strade, per scegliere mezzi meno impattanti.” Il punto a) è stato approvato con il solo voto contrario di Lugli (movimento 5 stelle) , il punto b) ugualmente è stato approvato con il voto contrario di Lugli, il punto c)  è stato approvato all’unanimità.

Le dichiarazioni di voto

Andreolli ha espresso l’intenzione di votare a favore delle Linee programmatiche e, in merito all’ambiente, ha invitato l’amministrazione comunale a rivedere il rapporto con Marche Multiservizi per la gestione della raccolta differenziata.

Nicola Baiocchi e Francesca Frenquellucci hanno dichiarato il loro voto contrario, alle Linee programmatiche, Frenquellucci lamentando in particolare la mancanza di sostegno alle imprese e al turismo. Per la maggioranza tra gli altri, Carlo Rossi del PD, ha dichiarato il voto favorevole, proponendo di vigilare sull’ospedale.

L’assise ha approvato la delibera contenente le Linee programmatiche del sindaco Matteo Ricci, come risultanti dopo gli emendamenti, per il mandato amministrativo 2019-2024, con i voti favorevoli della maggioranza e i voti contrari dell’opposizione.

La mozione “Scuole sicure”

Infine è stata esposta la mozione presentata con urgenza dalla consigliera Frenquellucci, “Scuole sicure” perché il progetto ha una scadenza a luglio. “Ci sono soldi stanziati per i Comuni che proporranno progetti per la sicurezza degli edifici – ha spiegato la consigliera Frenquellucci, è un’occasione per i nostri figli che frequentano le scuole.”

L’assessore Belloni ha evidenziato l’intenzione di lavorare sugli interventi per le scuole e di candidarsi a tutti i bandi disponibili “ben vengano le risorse, fanno comodo, dobbiamo essere preparati per portarle a casa”. La mozione è stata approvata all’unanimità. Francesca Frenquellucci si è dichiarata molto soddisfatta. L’assise si è chiusa, rimandando alla prossima convocazione, la discussione delle mozioni all’ordine del giorno.

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...