Piccola fenomenologia del ciclismo su strada, l’ultima fatica letteraria di Paolo Pascucci

PESARO – Venerdì 11 giugno 2021 alle ore 18,00 nel cortile (g.c.) di palazzo Montani (piazza Antaldi, 2 – Pesaro) viene presentato Piccola fenomenologia del ciclismo su strada (Aras ed. 2021, pp. 228) di Paolo Pascucci (Università di Urbino). L’Autore conversa con Stefano Pivato.

Il ciclismo su strada è un’attività agonistica sui generis, al confine tra lo sport individuale e lo sport di squadra. Unico per dove e come si svolge, è uno sport evocativo della vita quotidiana e sociale, capace ancor oggi di incantare folle di spettatori appassionati, pur avendo subito dal secondo dopoguerra molteplici e profonde trasformazioni.

Sempre contrassegnato da un’immensa fatica – come è emerso anche nel recente Giro d’Italia – e pericolosamente esposto alla tentazione del doping, contro cui da tempo combatte una guerra senza quartiere. È uno sport refrattario al tifo becero e violento, con gesta epiche e con epici campioni che non sempre vincono, ma che, come gli eroi della mitologia, non per questo smettono di combattere.

Paolo Pascucci, ordinario di Diritto del lavoro nell’Ateneo di Urbino, ha approfittato della clausura pandemica per riordinare queste riflessioni che nascono dalla sua antica passione per il ciclismo.

Stefano Pivato, storico dell’immaginario e saggista, è stato rettore dell’Ateneo di Urbino. Tra le sue opere recenti: Storia sociale della bicicletta (il Mulino, 2019)

Ingresso libero fino a esaurimento dei 70 posti disponibili. Non è prevista prenotazione. Sono obbligatorie le cautele (mascherine, distanziamento, disinfezione delle mani, ecc.) previste dalla normativa sanitaria vigente; il personale presente fornirà le necessarie indicazioni.

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...