Porto San Giorgio – Balneari: Tari ed aree da detassare

Porto San Giorgio - Balneari: Tari ed aree da detassare

La Confcommercio di Porto San Giorgio comunica a tutti i concessionari di spiaggia che le superfici demaniali, dove non si producono rifiuti, possono essere decurtate dalla superficie dell’arenile  per pagare meno tassa  rifiuti.E’ quanto emerso dall’incontro tecnico che la Confcommercio  ha avuto con il Sindaco, l’assessore al bilancio e la Dirigente del servizio. Purtroppo per il 2014 non si può fare di più visto che il Comune non ha un regolamento che  preveda l’esonero di particolari superfici dal conteggio della TARI. Nello specifico le aree per le quali sarà possibile che ogni concessionario presenti una rettifica alla denuncia della tassa  rifiuti saranno quelle adibite ad impianti sportivi( campo beach volley, pallavolo, campetto calcio ecc) e la fascia di rispetto di circa 3 metri  che va dal lungomare allo stabilimento balneare.L’associazione di categoria, per la quale erano presenti all’incontro il Presidente Provinciale Tarantini, il Presidente del Sindacato Balneari Montagnoli e la Direttrice Scriboni,ha registrato anche l’apertura del Sindaco e dell’assessore a discutere insieme del redigendo regolamento che potrà disciplinare definitivamente  le aree da escludere dalla tassazione.“Non è una mera operazione matematica, afferma il Presidente Montagnoli, quella di detassare le aree improduttive , quanto un’operazione di correttezza nei confronti di aziende che pagano una tassa esorbitante per i rifiuti, su aree occupate solo per una piccola porzione d’anno poiché  il lavoro dello stabilimento balneare si riduce a circa 4 mesi di attività. Pagare cifre come 10 o 13 mila euro di tassa rifiuti diventa insostenibile per ogni azienda figuriamoci per quelle nostre che sono stagionali e sempre sotto la scure del maltempo. A pagarne le conseguenze sono stati gli occupati che, quest’anno, ogni stabilimento balneare  ha  ridotto drasticamente. Una tassazione più equa avrebbe permesso al Comune di introitare le somme richieste e agli operatori di  lavorare con migliori margini di ricavi.”Quella del regolamento comunale sarà un’importante fase di trattativa sindacale  dove sarà importante mantenere alta l’attenzione dell’Amministrazione nei confronti di alcune specifiche categorie di attività imprenditoriali.Non va dimenticato che altre realtà  sono in difficoltà nei confronti della Tari, basti pensare agli albergatori e ai campeggiatori.Anche questi hanno enormi superfici tassate dove, in realtà, non c’è una vera e propria produzione di rifiuti.La Confcommercio ricorda agli operatori interessati che il ricalcalo delle superfici è un’operazione strettamente personale che può essere gestita solo dal titolare dello stabilimento previa rettifica della denuncia negli uffici competenti.Per ogni informazione la Delegazione di Porto San Giorgio è a disposizione allo 0734 673119.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento