Concorso di Poesia

Porto San Giorgio – Capasso (Confcommercio): “Troppi abusivi, rivedere organizzazione Fiera San Giorgio”

Porto San Giorgio - Capasso (Confcommercio): "Troppi abusivi, rivedere organizzazione Fiera San Giorgio"

Una fiera di San Giorgio che continua a registrare il boom di presenze ma cresce anche il malumore per i troppi abusivi che praticano concorrenza sleale al commercio della città:

“La Fiera di San Giorgio è l’evento commerciale più importante  della Primavera Sangiorgese, quello che di fatto traina l’imminente stagione estiva. Fu  proprio la Confcommercio Di Porto San Giorgio 28 anni fa ad intuire questa opportunità e a chiedere all’allora amministrazione comunale  di istituire la Fiera ,ma non si può andare più avanti con questo tipo di organizzazione!”

A parlare è Orazio Capasso, presidente del Sindacato FIVA Confcommercio che prosegue:

“Troppi abusivi, troppa concorrenza sleale, pochi ed inefficaci i controlli. Riteniamo che a fronte degli oltre  400 operatori ambulanti che hanno partecipato all’evento , l’amministrazione comunale abbia  incassato una bella somma di denaro che va necessariamente reinvestita a tutela del buon nome della Fiera e del lavoro degli ambulanti regolari che in essa vi operano. Bisogna implementare la sorveglianza al mercato, per evitare non solo borseggiatori e taccheggiatori ma anche quel mercato nel mercato fatto di merce contraffatta. Ci sono le risorse economiche per farlo e va fatto ricorrendo all’aiuto di altri vigili  urbani  così come altri comuni del territorio fanno per mettere in sicurezza le loro Fiere e i clienti.

Prendiamo atto dello sforzo dell’amministrazione comunale che con le bancarelle anche in viale Don Minzoni ha comunque ampliato il  circuito  della Fiera ma proprio per questo occorre maggiore attenzione al problema della sorveglianza e del monitoraggio della sicurezza. Gli ambulanti regolari vanno tutelati, alcuni di loro hanno fatto Km di strada per partecipare alla fiera, pagato il canone esibito il Durc, magari hanno anche ricevuto qualche controllo di verifica, per poi assistere impotenti a chi di fronte, di fianco o dietro il proprio banco esercitava la stessa attività commerciale senza averne i requisiti .

Siamo sicuri e fiduciosi che questo sarà l’ultimo anno in cui  si è assistito alla fiera della contraffazione e dell’abusivismo che, come sappiamo tutti genera danni ingenti alla economia nazionale e locale. Basti pensare che gli ambulanti abusivi sono il 19,4% e sviluppano 8,8 miliardi di fatturato e che il fatturato dei prodotti contraffatti è pari a 6,5 miliardi concentrato per il 76% sull’abbigliamento ed accessori, il resto su DVD, Cd e prodotti alimentari.”

La Confcommercio intende proporre una riflessione anche in sede di Commissione Mercato del Comune di Porto San Giorgio sui danni diretti ed indiretti che l’abusivismo e la contraffazione generano. I prezzi dei prodotti venduti dagli abusivi o contraffatti, infatti, solo apparentemente costano meno perché il minor costo è pagato dalla collettività per sostenere l’onere dei servizi fruiti dai malviventi che non pagano le tasse. Inoltre questi fenomeni comportano da parte della collettività tolleranza ed accettazione di pratiche illegali infettando così  il sistema di valori alla base di ogni democrazia economica oltre ad alimentare il lavoro nero e la criminalità.”

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento