Porto San Giorgio – Edilizia convenzionata: la proposta di Fratelli d’Italia sulla zona ex-Corvaro

Porto San Giorgio - Edilizia convenzionata: la proposta di Fratelli d’Italia sulla zona ex-Corvaro

A Porto San Giorgio è possibile fare di tutto in pochissimo tempo e senza passare per l’opinione pubblica” – queste le parole di Emanuele Morese, leader di Fratelli d’Italia Porto San Giorgio, che interviene sul cambio di destinazione d’uso dell’edificio sito nel comparto G dell’ex lottizzazione Corvaro che passerà da recettivo a residenziale-commerciale.

“Sembra, e lo dico con dispiacere, che ogni volta si tratti di temi sensibili, come accaduto per la vendita della sangiorgio energie, ci sia una fretta smodata da parte di questa amministrazione. Non ci stupisce che questa variazione piova dal cielo sulla testa dei sangiorgesi dal giorno alla notte senza necessità di un confronto pubblico, non vincolante, ma pur sempre opportuno quando si governa una città che fa del turismo un suo cavallo di battaglia”.

“Noi di Fratelli d’Italia, non siamo contrari alla riqualificazione di quell’area – spiega Morese – ma vogliamo buttare uno sguardo al sociale e non solo agli affari. Proponiamo al sindaco Loira di avviare una trattativa con il privato, che beneficerà di questa conversione d’uso, per garantire l’edilizia convenzionata per le famiglie italiane e sangiorgesi. Sarebbe un segnale forte e coraggioso”.

“L’imprenditore privato si impegnerebbe a realizzare un dato numero di alloggi, a proprie spese, da vendere a determinate condizioni ‘convenzionate’ come, un prezzo al metro quadro inferiore alle normali condizioni di mercato o mutui a tassi agevolati e garantiti – continua Morese – il tutto a sostegno dei nostri cittadini.

La famiglia va garantita, e il comune potrebbe fare, per una volta, la propria parte. Speriamo che la sinistra, impegnata da anni al fianco dei più deboli, non tradisca proprio ora i suoi ideali. Noi di Fratelli d’Italia vigileremo, come sempre, schierati in difesa delle famiglie italiane e sangiorgesi”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento