Concorso di Poesia

Porto San Giorgio – Fratelli d’Italia contro il testamento biologico

Porto San Giorgio - Fratelli d'Italia contro il testamento biologico

No deciso quello di Fratelli d’Italia di Porto San Giorgio sulla questione del testamento biologico:

“La caccia ai voti per le regionali è aperta e SEL ha deciso di portare di nuovo in scena il testamento biologico per raggranellare qualche crocetta e dimostrare che esiste a Porto San Giorgio” – questo il primo commento del coordinatore di Fratelli d’Italia, Emanuele Morese a seguito della notizia apparsa sulla stampa locale che vede il primo cittadino, in veste di garante nel sostenere la “dichiarazione anticipata di trattamento”.

“Il diavolo e l’acqua santa uniti per prendere voti, ma la cosa non ci stupisce. Ci sorprende invece come un sindaco, esperto in diritto, non riesca a spiegare alla sua maggioranza come tale provvedimento sia legalmente impossibile, semplicemente perché il Consiglio Comunale non ha le competenze per decidere sulla materia. Il resto è spot pubblicitario che si gioca sulle coscienze dei sangiorgesi” – rincara Morese – “Bisogna spiegare ai cittadini che la DAT, non solo non ha un fondamento giuridico e può essere disattesa dal medico curante, ma oltretutto l’esperienza di altri comuni, in cui in pochissimi hanno sottoscritto la DAT, si è dimostrata fallimentare.

Cosa rimane? Solo pubblicità ideologica a cui Fratelli d’Italia si oppone con forza.

Anzi ci chiediamo dove siano finiti i cattolicissimi assessori della Giunta e dove siano gli altrettanto cattolici consiglieri. Ai capricci di SEL siamo abituati, ma non ci abitueremo mai al silenzio di quei politici che, per tornaconto elettorale, mettono sotto i loro piedi le proprie idee, i propri valori e le proprie coscienze”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento