Concorso di Poesia

Porto San Giorgio – Promesse sui tralicci dell’alta tensione: domenica parte la petizione di Fratelli d’Italia

Porto San Giorgio - Promesse sui tralicci dell’alta tensione: domenica parte la petizione di Fratelli d’Italia

“Adesso che i soldi ci sono, non rimane che mantenere le promesse” – questo il commento a caldo del coordinatore di Fratelli d’Italia Emanuele Morese a seguito dell’avvenuta vendita della Sangiorgio Energie – escluse le polemiche sulla vendita della partecipata, in campagna elettorale l’assessore PCI Renato Bisonni prometteva che, se avessero avuto i soldi necessari, avrebbe provveduto all’interramento dei cavi dell’alta tensione disseminati nella zona nord di Porto San Giorgio tra case abitate e campi sportivi dove giocano i più piccoli. Noi crediamo alla buona fede della promessa su questo intervento, rubricato alla voce tutela della salute pubblica – continua Morese – e così ci limitiamo a ricordare che ora, con a disposizione 2.700.000 euro, tale operazione è possibile.

Sappiamo perfettamente che in democrazia la maggioranza ha il diritto e il dovere di governare prendendo decisioni, ma secondo noi deve anche mantenere le promesse fatte in campagna elettore. Dal nostro punto di vista, riteniamo che debbano essere i cittadini a scegliere cosa sia meglio per la città ed è per questo che già da domenica saremo con il nostro banchetto a raccogliere firme di chi come noi vorrebbe usare i proventi della vendita della Sangiorgio Energie per interrare i cavi e rimuovere i tralicci dell’alta tensione. Sarà poi il Sindaco a valutare cosa fare con le firme raccolte ma in qualunque caso Fratelli d’Italia sarà per le strade, tra la gente, vicino alle esigenze dei cittadini ad ascoltare di cosa veramente hanno bisogno”.

La raccolta inizierà la mattina di domenica 23 Novembre vicino al Bar Mirò per proseguire in vari punti del quartiere e della città fino alla fine dell’anno.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento