Presentata la 57esima edizione della Tirreno-Adriatico, gran finale sprint a San Benedetto


SAN BENEDETTO – Due le novità per quanto riguarda la tappa finale della Tirreno-Adriatico 22 che come al solito terminerà a San Benedetto del Tronto. Dopo 12 anni torna la tappa in linea che toccherà anche l’hinterland rivierasco per concludersi con lo sprint finale sul classico traguardo del lungomare Buozzi.

E poi la tappa finale si svolgerà per la prima volta di domenica, precisamente domenica 13 marzo. In questo modo sarà più seguita e inoltre ci sarà un intervallo maggiore rispetto alla successiva classica Milano-Sanremo, e i partecipanti avranno modo di riposare e prepararla al meglio.

È stata presentata nella sede della Regione Marche ad Ancona la 57ª edizione della Tirreno-Adriatico, la Corsa dei due Mari organizzata da Gazzetta/Rcs Sport che inizierà con la cronometro di Lido di Camaiore lunedì 7 marzo per chiudersi domenica 13. 7 tappe e 1123 chilometri con il dislivello totale è di 14mila metri. Un valore record che testimonia la difficoltà della CAorsa dei Due Mari.

Al via ci saranno i migliori corridori del mondo: il due volte vincitore del Tour Pogacar, il due volte campione del mondo Alaphilippe, il giovanissimo Evenpoel, l’esperto Sagan e Vincenzo Nibali, l’ultimo italiano ad aggiudicarsi la Tirreno-Adriatico.

Si partirà da Lido di Camaiore e anche se non ci sarà una tappa con arrivo in salita ecco la doppia scalata del Monte Carpegna, nel Montefeltro. Salita cara a Merckx per una storica vittoria al Giro 1973 ed Marco Pantani, che qui si allenavo. TYappe due sono poi quelle che si concluderanno in Abruzzo a Bellante, ma soprattutto quella di Fermo, con il passaggio della carovana sui classici Muri marchigiani,  dedicata a Michele Scarponi per i cinque anni dalla morte.

Finale classico sul lungomare di San Benedetto del Tronto, da 55 anni sede conclusiva della Tirreno-Adriatico.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...