Primarie centro sinistra: il forzista Marangoni ironizza sui numeri

Impianto biogas Corridonia - Marangoni: "Risposte insoddisfacenti della Malaspina"

Tagliente il commento del consigliere regionale di Forza Italia Enzo Marangoni all’indomani delle primarie di centro sinistra che hanno visto trionfare il nome di Luca Ceriscioli:

“Ci sarebbe da ironizzare sulla veridicità dei risultati delle cosiddette primarie autogestite nelle Marche dal Partito Democratico e dai cespugli suoi alleati. Mentre in tutta Italia le primarie Pd sono un flop, macchiate da gravi irregolarità sollevate anche da autorevoli esponenti Pd e talvolta con strascichi giudiziari, nella regione Marche si assiste in questi giorni a proclami entusiastici da parte del regime Pd in merito alla, autodichiarata, grande partecipazione che ci sarebbe stata. Allora approfondiamo e ne scopriremo delle belle sulla capacità del Pd di “dare i numeri” e sulla successiva manipolazione comunicativa imitando le sparate renziane senza fondamento.

A dicembre 2013 parteciparono nelle Marche 93.716 persone alla primarie “chiuse”, riservate agli iscritti del Pd. Domenica 1 marzo 2015 avrebbero partecipato 43.588 persone, cioè meno della metà, nonostante fossero, queste ultime, primarie di coalizione e fossero aperte anche ai non iscritti. Allora è un flop, altro che successo! Inoltre sarebbe interessare sapere quanti stranieri e quanti sedicenni hanno votato.

Ma torniamo all’affluenza alle urne del 1 marzo 2015 prendendo tutti i dati direttamente dal sito ufficiale del Pd Marche. Si è votato dalle ore 8 alle ore 22. Il sito ci dice che alle ore 12 i votanti erano circa 12.500, mentre alle ore 19 erano saliti a oltre 25.000. Può essere.

Molto strano invece è che, solo tre ore dopo, i votanti subiscano una enorme accelerata, un volo pindarico, arrivando alla chiusura dei seggi alle ore 22 a 43.588. Dunque il Pd ci vuol far credere che nelle prime 11 ore di apertura seggi (dalle 8 alle 19) hanno votato 25.000 persone e nelle sole 3 successive avrebbero votato 18.588 persone. Molto strano. Tanto più che questa incredibile corsa forsennata alle urne nelle ultime tre ore, per recuperare lo scarso risultato dell’intera giornata, sarebbe avvenuta proprio nelle ore di cena e in una fredda serata, in certe zone della regione anche sotto la pioggia.

Allora una domanda ulteriore si pone: se i risultati dell’affluenza sono questi, come possiamo credere che abbia vinto legittimamente un candidato piuttosto che un altro?

Per completare la risata che noi “non democratici” ci facciamo, attendiamo la proclamazione “ufficiale” dei risultati da parte dell’ ufficietto, interno alla sceneggiata, pomposamente denominato “Ufficio Tecnico Amministrativo Regionale”. Il nome farebbe pensare ad un ente od organismo pubblico ma è robetta loro ammaestrata, come sono loro i numeri delle primarie che potremmo giocarci al lotto.”

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento