Concorso di Poesia

Progetto Aree interne – Il Sindaco di Amandola risponde alla Giorgi

ITC Amandola: collaborazione ISC-Comune

Il Sindaco Marinangeli di Amandola è stato chiamato in causa dalla risposta della Giorgi, assessore regionale alle Politiche Comunitarie, dopo la decisione di martedì di chiedere chiarimenti alla Regione sul mancato inserimento della zona fermana tra le aree ammesse a finanziamento.

“Non capisco ma ne sono felice. – dice il Sindaco – La seduta era stata promossa dalla CNA provinciale in collaborazione con tutti i comuni dell’area montana (Amandola, Montefortino, Santa Vittoria, Smerillo, Montefalcone, Montelparo), la Comunità Montana dei Sibillini, la Confcommercio Fermo, il Gal Fermo, la Cgil Fermo e tanti imprenditori locali stanchi di subire solo vessazioni. La decisione di quella seduta, dopo l’indignazione per la esclusione del nostro territorio, è stata quella di delegare il Presidente della Provincia di Fermo di chiedere spiegazioni alla regione sulla “sciagurata” decisione di escludere una parte delle Aree interne del territorio marchigiano dai finanziamenti ministeriali e di invitare in Amandola tutti gli amministratori regionali per un incontro pubblico. Occorre precisare che nella lettera dell’Assessore Giorgi non c’è poi una risposta reale e concreta alla domanda, ma solo consigli e accuse al nostro territorio di non saper progettare e di non saper stare in rete. Siamo tutti stufi di sentire la solita solfa, per giustificare una discriminazione che ci penalizza solo e sempre a livello regionale, ad altri livelli (stato o Europa) non abbiamo mai trovato tanta opposizione. Glissa poi sul tema del progetto per le “Aree interne” stilato dall’ex Ministro Barca, che dipende da un Accordo di Programma da sottoscrivere con il Ministero e formulato per tutte le zone.

Riteniamo che la responsabilità degli uffici pubblici e degli amministratori deve essere anche quella di aiutare i cittadini nel progettare, accompagnandoli, educandoli, non si può solo prendere le tasse dai cittadini e poi puntualmente accusarli e penalizzarli: qui occorre una maggiore responsabilità politica. Per fare un po’ di storia, ricordiamo che sono stati fatti molti progetti per la nostra zona anche dalla Provincia di Fermo nell’ambito del nuovo PTC, nella logica, sempre acclamata e mai realizzata del riequilibrio territoriale “mare-monti”. Inoltre viene detto che abbiamo a disposizione i fondi europei: beh lo sapevamo e ci siamo già attrezzati con un progetto organico redatto insieme con la provincia e la camera di commercio dal nome “Fermano 2020” Spero che qualcuno non voglia provare a privarci anche di quelli! Noi, tutti insieme, Enti Locali, forze sociali, sindacali ed imprenditoriali della provincia nell’ultima riunione abbiamo chiesto ben altro.

Abbiamo chiesto nell’incontro di rientrare immediatamente nello studio ministeriale e nella programmazione delle “Aree Interne” dell’ex ministro Barca protestando contro l’esclusione, arbitraria e senza motivo e di essere invitati ad un incontro urgente dove poter chiarire questa decisione chiedendo inoltre alla Regione di sostenere, con decisione, gli Enti interessati affinché rientrino nei parametri fissati dal Ministero e possano candidarsi a sottoscrivere l’Accordo di Programma, che prevede risorse per oltre 3 milioni di euro.

Penso per il bene, della politica e dei cittadini che pagano le tasse, che la Giunta Regionale si prenda le sue responsabilità e pensi a programmare e lavorare in ugual misura per tutto il territorio comprese anche le aree interne del Fermano senza esclusioni o partigianerie di vecchio stampo

Basta con le battute o le risposte fuori luogo, è oltre modo passato il momento che la politica torni a prendere impegni forti e seri davanti ai cittadini”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento