ProteggiAmo l’Ambiente”: il Comune di Colledara lancia la campagna di sensibilizzazione e prevenzione contro l’abbandono dei rifiuti nei fossati e lungo i corsi d’acqua

TERAMO – L’Amministrazione comunale di Colledara lancia la campagna di sensibilizzazione e prevenzione contro l’abbandono dei rifiuti nei fossati e lungo i corsi d’acqua. A presentare l’iniziativa, all’insegna dello slogan “ProteggiAmo l’Ambiente”, sono intervenuti in conferenza stampa al Consorzio Bim il sindaco di Colledara, Manuele Tiberii, il consigliere delegato all’Ambiente, Simone Tullii, il vicepresidente della Provincia di Teramo con delega al ramo, Severino Serrani, e la professionista in materia ambientale che ha curato la campagna, Valeria Coppa.

Saranno posizionati in tutto una decina di cartelli, in diversi punti sensibili del territorio, oltre a diversi manifesti che saranno affissi per tutta Colledara, al fine di rendere più curato e sicuro l’ambiente rurale. Il sindaco Tiberii annuncia che a breve l’amministrazione aggiornerà il regolamento di polizia rurale

“Una buona cura delle campagne e dei fossi – spiega il primo cittadino – consente una migliore tenuta del territorio in caso di condizioni atmosferiche avverse e di contrastare il rischio di allagamenti che procurano danni per svariate migliaia di euro. Il verificarsi di eventi meteo eccezionali chiama tutti, istituzioni e cittadini, alla massima collaborazione e a comportamenti improntati al senso civico. L’obiettivo, attraverso l’applicazione e il rispetto del nuovo regolamento, è quello di prevenire e mitigare il rischio idrogeologico anche attraverso le modalità corrette di lavorazione dei terreni”.

Il vicepresidente della Provincia, Serrani, ha apprezzato l’iniziativa del Comune di Colledara esprimendo l’auspicio che anche gli altri Comuni della provincia regolamentino questi aspetti: “Le attività di informazione e sensibilizzazione, abbinate al regolamento di polizia rurale – dichiara Severino Serrani – rappresentano un valido strumento di prevenzione del dissesto idrogeologico. Fondamentale il dialogo con i cittadini, con gli agricoltori e le rispettive associazioni di categoria, in quanto abbiamo bisogno della loro collaborazione per la corretta gestione dei campi e dei versanti privati e per le attività di regimentazione delle acque. Proprio la mancanza di cura del territorio è causa di smottamenti e frane sulle strade”.

“Il regolamento affronterà questioni che interessano la vita quotidiana di tanti cittadini – sottolineano il consigliere Tullii e l’ideatrice della campagna Coppa -, per farlo conoscere al meglio organizzeremo un ciclo di incontri per far comprendere ai colledaresi l’utilità di dotare il territorio di una serie di regole certe e condivise per la tutela dell’ambiente e la prevenzione del dissesto idrogeologico”.

L’iniziativa “ProteggiAMO l’Ambiente” è la prima fase di un progetto più ampio, che proseguirà nei prossimi mesi con altre azioni di sensibilizzazione.

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...