REGIONE MARCHE CAPOFILA DEL PROGETTO EUROPEO RITS-NET SU SISTEMI DI MOBILITÀ EVOLUTI

REGIONE MARCHE CAPOFILA DEL PROGETTO EUROPEO RITS-NET SU SISTEMI DI MOBILITÀ EVOLUTI

Si terrà a Roma, il prossimo giovedì 4 dicembre, l’incontro conclusivo del progetto RITS-Net; i lavori verranno coordinati da Sergio Strali, dirigente del settore Trasporti della Regione Marche, e le conclusioni saranno affidate all’assessore alla Mobilità e Trasporti, Luigi Viventi. Dal 2012 al 2014, la Regione Marche, capofila del progetto, finanziato dall’Unione europea nell’ambito del Programma Interreg IVC, supportata dalle società ISIS e Pluservice, ha coordinato il lavoro degli altri otto Paesi partner: Grecia, Ungheria, Irlanda, Spagna, Austria, Bulgaria, Lettonia e Slovenia. Un milione e mezzo di euro il valore del progetto, finalizzato a favorire la mobilità delle persone con forme “innovative” e “sostenibili”, attraverso un confronto tra le migliori pratiche in uso nelle varie realtà e la definizione di parametri comuni, elaborati in una piattaforma informatica; circa 331mila euro la somma destinata alle Marche. La Regione Marche si è da tempo avviata sulla strada della progettazione europea con lo scopo di raggiungere livelli di qualità del trasporto sempre più elevati, grazie anche alla condivisione di eccellenze. Nell’ambito di Rits-Net la Regione Marche sì è proposta quale capofila in virtù dell’esperienza maturata nel settore degli ITS. In particolare, sono stati già introdotti i dispositivi AVM (Automatic Vehicle Monitoring) a bordo dei mezzi e delle paline elettroniche (dispositivi elettronici dotati di display a LED dall’alta visibilità) nel territorio regionale, ed è stato realizzato il portale regionale dell’infomobilità, attivo già da alcuni anni. Infine, anche grazie al progetto, si è dato avvio al processo di informatizzazione del sistema di ticketing che porterà gli utenti marchigiani a viaggiare, nei prossimi anni, non più con i biglietti cartacei ma con smart card. L’implementazione del sistema di bigliettazione automatica per offrire un servizio ‘smart’ agli utenti va di pari passo con lo sviluppo di collegamenti intermodali sul territorio. L’obiettivo finale è lo sviluppo di un unico titolo di viaggio per i diversi mezzi di trasporto disponibili a livello regionale. Attesa, poi, la nuova programmazione di fondi europei 2014-2020 dove dovrebbe esserci spazio per nuove risorse e progettualità: obiettivo della prossima programmazione, innovare per crescere in modo sostenibile. In vista della prossima tranche di fondi strutturali, la Regione Marche ha preventivato diversi interventi. In particolare all’obiettivo tematico 4, “Sostenere la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio in tutti i settori”, sono allocati circa 65 milioni di euro, di cui oltre 25 per l’implementazione di mobilità urbana sostenibile. Verrà previsto il rinnovo del parco autobus per l’ambito urbano, cosa che non è più possibile fare con altri canali, visti i tagli di fondi da parte dello Stato ed il resto verrà destinato all’innovazione tecnologica, in risposta ad esigenze di enti, aziende e cittadini: in sintesi: strumenti di controllo dei veicoli, dei tragitti e dei flussi di trasporto, nuove modalità di pagamento e anche una maggiore integrazione tariffaria.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento