Report della Caritas Fermana – molte le situazioni di disagio nel territorio

Report della Caritas Fermana - molte le situazioni di disagio nel territorio

Sono stati presentati questa mattina, nella sede fermana della Caritas in via Giovanni da Palestrina alla presenza del Vescovo Mons. Luigi Conti e di Don Vinicio Albanesi gli allarmanti dati che evidenziano una crescita delle situazioni di disagio relativamente alla povertà.

Forte la crescita di italiani che si rivolgono ai centri di ascolto e continua a rimanere significativa la presenza di stranieri per un totale 2013 di 1.873 persone assistite. soprattutto donne, spesso e volentieri portavoci dei problemi familiari. Oltre il 70% degli assistiti è in condizione di disoccupazione ma la restante fetta evidenzia come anche i lavoratori, precari e non, vivano in condizioni di povertà, con presenza anche di casalinghe e pensionati. Il 78,5% degli assistiti ha figli mentre tra le persone che cercano aiuto vivendo da sole, più della metà sono uomini.

Ma quali sono le richieste che pervengono alla struttura fermana, quali i bisogni primari? Sono soprattutto beni materiali come alimenti e vestiario, a cui segue la richiesta di servizio mensa, di un posto di lavoro e di sussidi prettamente economici per far fronte al pagamento di beni di prima necessità come luce, acqua o prodotti per l’infanzia che la Caritas riesce a soddisfare grazie alla collaborazione con la Fondazione Caritas in Veritate che mette a disposizione i fondi.

La Caritas  da  anni sta potenziando la sua presenza, prima di tutto grazie alla rete dei Centri di Ascolto che in pochi anni sono passati da 8 (nel 2009) a 19 nel 2014 (a fine giugno) e n.4 Centri di Ascolto sono in fase di avvio e saranno attivi entro pochi mesi sull’ampissimo territorio dell’Arcidiocesi.

Sono in aumento i centri di distribuzione di alimenti attivati dalla Caritas, le mense per le persone disagiate e sono attivi attualmente i centri di accoglienza di Civitanova Marche, Porto Sant’Elpidio e in riattivazione anche Fermo.

Tutte queste opere ed interventi di aiuto concreto vengono realizzati grazie all’impegno di moltissimi volontari e la Caritas attraverso la sua rete diffusa in tutto il territorio diventa luogo di promozione di reti di solidarietà concreta dirette a sostenere ed accompagnare (spesso anche per lunghi periodi). Da segnalare che è molto forte la collaborazione con i Servizi Sociali del territorio in termini di sussidiarietà e condivisione dei percorsi di aiuto.

Tante le iniziative che coinvolgono l’intera comunità ed educano alla solidarietà:

  • sensibilizzazione ed attività di informazione sul tema della povertà e sul diritto al cibo,
  • attività di volontariato che coinvolgono studenti e ragazzi,
  • progetto di servizio civile che coinvolge i volontari del servizio civile nazionale,
  • distribuzioni alimenti e servizio mensa,
  • recupero e distribuzione vestiario
  • recupero mobili usati,
  • raccolta di alimenti ,
  • recupero degli alimenti e delle eccedenze alimentari (evitando lo spreco) sia dalle imprese agricole e agro-alimentari sia da piccoli negozi e centri commerciali.

In occasione della presentazione di questo report annuale sulla povertà è stato anche presentato il nuovo sito www.caritasdiocesifermo.it, iniziativa dell’ex direttore Serafini  e realizzato dall’architetto Barbara Moschettoni.

Un sito dove poter trovare tutte le attività e le finalità della Caritas, eventi, news ed opportunità formative.

 

 

 

.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento