Riapertura di via Val Tiberina, l’ass. Andrea Traini: “Avevamo detto per il 15 febbraio e così è stato, polemiche strumentali”

SAN BENEDETTO – La riapertura definitiva di via Val Tiberina è stata accolta positivamente sia dai residenti della zona che dall’ amministrazione comunale. Ed in tal senso si registra l’intervento dell’ assessore all’ ambiente Andrea Traini.

“Le innegabili difficoltà vissute dal cantiere per il rifacimento della linea fognaria dell’Agraria -scrive in una nota- non possono costituire la giustificazione per le polemiche strumentali e gratuite sollevate in questi ultimi giorni anche da esponenti politici dell’opposizione nei confronti di un’Amministrazione che non solo ha seguito con attenzione e costanza tutte le fasi dei tormentati lavori ma soprattutto non ha mai lesinato informazioni ai cittadini che hanno vissuto i disagi di questa situazione, sia direttamente sia attraverso il Comitato di quartiere.

Il rapporto tra Comune e quartiere, infatti, -aggiunge Traini- é stato sempre improntato, così come accade per tutte le altre questioni, alla massima trasparenza ed abbiamo illustrato in diverse sedi, negli uffici comunali come nelle assemblee di quartiere, tutte le problematiche verificatesi nel corso dell’esecuzione dell’intervento, soprattutto a livello geologico, problematiche che hanno comportato una rilevante revisione del progetto iniziale con ulteriori oneri sia dal punto di vista progettuale sia economico.

Una volta affrontate e risolte con CIIP e ditta appaltatrice tutte le complesse questioni che si sono succedute nel corso del tempo, avevamo assunto l’impegno con il quartiere che il 15 febbraio l’incrocio tra via Val Tiberina e la Statale sarebbe stato riaperto e così è stato. Mi preme rilevare in questa occasione che è stato anche grazie all’intervento economico del Comune se l’asfaltatura della via non si sia limitato alla sola zona di cantiere ma abbia interessato l’intero asse viario, così strategico per l’intera zona.

Capisco -conclude l’assessore Traini- che parlare dall’opposizione o sui social network è facile e spesso gratuito, ma talvolta un po’ di senso della misura e di responsabilità non guasterebbe”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...