Concorso di Poesia

Samb per il centrocampo spunta Gentile del Siena. A Mantova altra prova incolore, urgono immediati rinforzi per non sprofondare

SAN BENEDETTO – Un punto utile in prospettiva salvezza. Si può commentare così il pari di Mantova giunto al termine di un’ altra prestazione opaca e grazie anche ad un’indecisione del portiere lombardo Bonato su una non irresistibile punizione di Radi. Ancora una volta la Samb ha manifestato la pochezza tecnica e di idee che la sta contraddistinguendo in questi ultimi due mesi. StefanSanderra ha tanto da lavorare per rimettere a posto le cose e ne è consapevole. Ma allo stesso tempo ha già esplicitamente detto che si attende in tempi ristrettissimi l’ arrivo di un play maker di centrocampo e di un centravanti. Due lacune che ancora non sono state colmate dalla dirigenza.

Per il portoghese Lopes la strada si è fatta in salita mentre sulla mediana circola il nome di Federico Gentile del Siena. 32 anni negli ultimi cinque campionati ha vestito le maglie di Savona, Spal e Siena. In toscana in questa prima parte di stagione ha collezionato dodici gettoni, mettendo a segno una rete. Insomma in questa ultima settimana di calciomercato sono attese novità importanti in casa Samb, anche perché le carenze tecniche e di organico della formazione rivierasca sono evidenti a tutti.

Ad oggi la Samb è ancora più debole di quella che aveva iniziato la stagione. La società si è liberata dei contratti più onerosi vedi Ferrario, Berardocco, Fioretti ma dei sostituti neppure l’ombra. Se da un punto di vista economico si tratta di un’operazione intelligente, per quanto riguarda, invece, il lato tecnico le cose sono diametralmente opposte. Ma alcune domande sorgono spontanee.

Palladini avrebbe avallato questo depauperimento della squadra? Perché si è fatto di tutto da parte della proprietà per rompere un giocattolo che, pur essendo di media-bassa caratura e costruito seguendo le direttive economiche (minima spesa-massima resa) imposte dalla società, stava disputando una stagione eccellente sotto ogni punto di vista? E perché dopo l’opaca prova di Mantova non si sono registrati i soliti strali del patron Franco Fedeli nei confronti di tutto e tutti? Ed infine a che gioco si sta giocando sulla pelle dei tifosi (oltre duemila abbonati e dietro solo a Parma e Reggiana nella classifica delle presenze allo stadio)?

Risposte che possono essere date solo da Franco Fedeli e dai suoi più vicini collaboratori. Ma resta un dato di fatto inequivocabile. Se si continua di questo passo il rischio di sprofondare ulteriormente in classifica c’è tutto. Oggi il Forlì ha battuto il Padova e quindi per arrivare alla salvezza matematica occorrono almeno undici-dodici punti da conquistare in diciassette partite ancora da giocare. E fondamentale diventerà in tal senso la gara interna di domenica prossima col Gubbio. La formazione di Magi è rimasta a riposo causa neve e prima della sosta stava attraversando un buon momento di forma. Sanderra dovrà fare a meno di Lulli che verrà squalificato. Insomma sarà una settimana intensa sotto ogni punto di vista, sia per la preparazione della partita che per il mercato.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento