San Benedetto: caso dehors, l’ affondo del Partito Democratico

SAN BENEDETTO – Sono i dehors a scaldare l’agone politico in Riviera. Ed in tal senso si registra la presa di posizione del gruppo consiliare del Partito Democratico, il capogruppo Antimo Di Francesco ed i consiglieri Tonino Capriotti e Maria Rita Morganti che attraverso una nota stampa parte così all’ attacco.

“Il Natale è alle porte -scrivono i consiglieri democrat- e ci sentiamo di dare un consiglio spassionato a Piunti: esca dalla teca di vetro in cui si è rinchiuso da un bel po’ di tempo e vada ad ascoltare attentamente e concretamente le istanze dei commercianti con un approccio costruttivo e propositivo.  Abbiamo appreso inoltre che è stata lanciata una petizione a difesa dei dehors, alla quale stanno partecipando non solo le attività interessate (sarebbe stato strano il contrario), ma anche numerosi cittadini, esprimendo a gran voce la propria contrarietà alla bozza che è stata fin qui elaborata”.

“Gli esercenti -prosegue la nota dei consiglieri di opposizione- non sono per niente soddisfatti del nuovo piano e riteniamo che non ci sia stato fino ad oggi nessun recepimento delle proposte avanzate dalle associazioni di categoria e di quelle rappresentate dalle forze politiche e civiche che è bene rammentare rappresentano una larga fetta maggioritaria di questa città e di cui non si può non tenerne conto. Non ci risulta inoltre che sia stato formalizzato alcun parere e comunicazione da parte della Sovrintendenza sulla bozza del regolamento occupazione suolo pubblico”.

Ed ancora. “Il regolamento partorito va ben oltre le prescrizioni e le richieste della Sovrindentenza e nel percorso fino ad oggi attuato non può venir meno l’ascolto delle esigenze e il confronto al fine di arrivare ad una sintesi condivisa, questo è il nostro auspicio.  Il nuovo regolamento cosi com’è stato definito penalizzerebbe di molto le attività commerciali che hanno effettuato consistenti investimenti sulle strutture, si determinerebbero mancate entrate per importi rilevanti per le casse comunali, ci sarebbero ripercussioni anche sui lavoratori di queste attività che si dovrebbero ridimensionare , e un danno alla città che vive prevalentemente di turismo. Vorremmo sapere le motivazioni di questo braccio di ferro che va ben oltre quanto richiesto dalla Soprintendenza e avrà il solo effetto di penalizzare fortemente una delle prime voci produttive della città.”.

Di Francesco, Capriotti e Morganti, infine, danno un consiglio al sindaco Piunti. “La invitiamo a riflettere ed a recepire le istanze di tutte le componenti e soprattutto ad attuare un lavoro condiviso conciliando le esigenze di tutti nella speranza che -concludono i rappresentanti del Partito Democratico- secondo noi ci possono essere dei margini di miglioramento basta la volontà politica dell’amministrazione, nella consapevolezza che se dovesse prevalere una impostazione condivisa nella definizione della bozza di regolamento saremmo determinati nel sostenere in maniera convinta il nuovo piano”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...