San Benedetto del Tronto – Lungomare, finti scheletri contro i ritardi

L’iniziativa è di Casapound. Tre scheletri, corredati di altrettanti striscioni, in varie zone della città. Questo per denunciare i ritardi nella costruzione di: fogne, “bretella” collinare e il nuovo lungomare nord a San Benedetto. “Nonostante le promesse del sindaco Gaspari – spiega Casapound -, non fanno mai seguito i fatti”. Nello specifico per quanto riguarda il lungomare la protesta è anche legata al fatto che per il restyling è stato annunciato un mutuo, quando sette anni fa venne deliberata la tassa sui parcheggi perché sarebbe dovuta servire a realizzare l’opera.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento