Concorso di Poesia

San Benedetto del Tronto – Pompei di Asimprese interviene sul turismo

San Benedetto del Tronto - Pompei di Asimprese interviene sul turismo

Il presidente di Asimprese Italia Massimo Pompei interviene sulla questione del turismo:

“Come Presidente di Asimprese Italia credo sia giunto il momento di intervenire e dire come la pensa la nostra associazione sulla questione del Turismo.

L’attività promozionale turistica sarebbe di competenza della Regione e al Comune spetterebbe la sola accoglienza invece in tutti questi anni abbiamo assistito ad un disarmonico progetto che a tutt’oggi risulta fallimentare.

Non c’è dubbio che da parte dell’assessorato ci sia sempre stato un grande impegno, un grande lavoro, una grande disponibilità ma purtroppo dobbiamo constatare che, forse si manca di esperienza né l’assessore Sorge l’ha mai ricercata o trovata in chi si dovrebbe insieme a lei occupare di turismo.

Non di molto tempo fa un convegno per presentare il “Tourism Management”, bellissima iniziativa, ragazzi preparati sul turismo con tanto di Master Universitario ma poi, chi siede ai tavoli? Ma di che parliamo?

Quando nacque, il Tavolo del Turismo ci piacque molto, era un’ottima cosa ma a distanza di qualche anno, a fare un bilancio dobbiamo constatarne l’assoluta mancanza di risultati.

Perché non si parla oggi ad esempio della destagionalizzazione e si rimanda sempre la questione a settembre quando la destagionalizzazione è già in atto e i progettini creati in emergenza rasentano il ridicolo?

Insomma, il Tavolo del Turismo a che cosa serve? Che cosa ha prodotto da quando è nato.

Si leggono tante pagine vuote di solite chiacchiere e oggi addirittura veniamo a conoscenza della nascita di altri piccoli consorzi anche in antitesi tra loro.

Come Asimprese Italia abbiamo chiesto di sedere a quel tavolo per ascoltare con le nostre orecchie che cosa viene detto durante quelle “tavolate”.

Mai un progetto concreto, un’idea vincente, sono anni che si parla di creare sinergia tra i comuni, di avvicinare la costa con l’entroterra ma in concreto che cosa si è fatto?

Tavoli nati per creare aggregazione e che invece ottengono i risultati assolutamente contrari, improduttivi sia in termini di idee che di realizzazione .

Non sarà un tavolo che produce solo “prime donne” in cerca di visibilità?

Non dimentichiamo che siamo già in aria di elezioni, regionali prima e amministrative subito dopo e che certi meccanismi sono ben noti a tutti da sempre.

I tavoli di concertazione sono ottime idee ma se partecipati con lo scopo di trovare un progetto per San Benedetto.

Noi ascoltiamo tutti i giorni gli operatori e quello che viene fuori è tanto sconforto, ogni anno è sempre peggio e il nostro turismo ne soffre e noi nel nostro piccolo ma forti di una numerosa rappresentatività ( perché la rappresentatività è di chi riempie le sale alle riunioni non già di chi sventola numeri tutti da verificare) avremmo qualcosa da dire.

Se oggi ancora San Benedetto regge in termini di presenze turistiche lo dobbiamo solo agli operatori che si ingegnano in tutti i modi per richiamare la clientela con investimenti in prima persona.

Non c’è dubbio sulla volontà e la disponibilità ribadiamo, dell’Assessore Sorge ma purtroppo mancano i risultati di questo suo impegno e noi siamo dell’idea che squadra che non vince si cambia e allora assessore, perché ci si ostina a circondarsi sempre della stessa squadra?

Ma davvero vogliamo continuare a dire che è sempre colpa della crisi?”

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento