San Benedetto, i comitati contro le barriere antirumore chiedono un incontro con Piunti: “Tutti uniti contro un progetto inaccettabile”eme

SAN BENEDETTO – Il comitato di Azione Civile per San Benedetto e il comitato Barriere Antirumore di via Trento hanno protocollato oggi la richiesta di un incontro con il sindaco Pasqualino Piunti “per promuovere e coordinare ogni azione utile all’amministrazione nella difesa della città e dei suoi cittadini nei confronti del progetto definitivo di allestimento delle barriere fonoassorbenti presentato recentemente da Rfi”.

A scrivere sono i presidenti dei due comitati, rispettivamente Luigi De Scrilli per Azione Civile con Paolo Virgili e Gianluigi Scaltritti per quello di via Trento. “Pur essendo favorevoli e sostenitori – scrivono nel documento redatto a sei mani – di interventi volti all’abbattimento dell’inquinamento acustico lungo la linea ferroviaria, riteniamo inaccettabile un intervento che per risorse investite, impatto ambientalee tempi di realizzo ha tutti i presupposti per risultare devastante per la nostra comunità”.

L’obiettivo è quello di unire le forze contro il progetto di Rfi. “Nella consapevolezza dei margini limitati di manovra lasciati ai Comuni, in ambito giuridico e procedurale -aggiungono i rappresentanti dei due comitati- per opporsi con successo a tale opera, riteniamo importante la partecipazione dei cittadini a fianco delle amministrazioni che li rappresentano per una efficace pressione politica nei riguardi della regione e della stessa Rfi. L’obiettivo è quello di spostare l’attenzione verso una soluzione mista è tecnologicamente avanzata che verta, oltre che sull’utilizzo di pannelli molto meno invasivi, anche su una rapida applicazione dell’ammodernamento del materiale rotabile della Rfi e di tutte quelle reali private che utilizzano la rete ferroviaria soprattutto nel trasporto merci”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...