San Benedetto, la Lega pensa anche agli amici a quattro zampe, visitato il canile Quercia Ferrata

SAN BENEDETTO – Questa mattina la Lega di San Benedetto del Tronto ha continuato la sua campagna di ascolto visitando il canile intercomunale Quercia Ferrata e dando così “voce” anche agli amici quadrupedi. I militanti e sostenitori leghisti, insieme alla coordinatrice Laura Gorini e all’avvocato Gian Luigi Pepa responsabile, attraverso la Multiservizi, del canile si sono recati nella struttura per portare qualche dono, e soprattutto per comprendere meglio le necessità dei cagnolini ospitati.

Sono tante le storie commoventi illustrate con pazienza dal dottor Pietroforte, Presidente della sezione sambenedettese della Lega Nazionale per la difesa del cane: da quella di Enza anziana quattrozampe, colpita recentemente da ictus che ha passato tutta la sua esistenza nella struttura, a quella di Papillon, cagnolino recentemente scomparso che deve il nome  alla maestria nell’arte della “evasione”.

“Ciò che manca in questo momento – spiega Pietroforte – sono le cucce di medie e grandi dimensioni, smontabili per poter essere posizionate all’interno dei box. Ma la cosa più necessaria è quella di trovare una casa a tutti i 118 ospiti a quattrozampe (anzi 117 perché una è tripodina)”.

Quasi tutti i piccoli amici pelosi portano un nome di persona: segno che, per chi gestisce la struttura, più che cani sono proprio degli amici.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...