San Benedetto, si inaugura in via Cavour la nuova sede di Studi Cognitivi

SAN BENEDETTO – Venerdì 1° marzo 2019 si terrà l’inaugurazione della nuova sede di Studi Cognitivi, in via Cavour 14 a San Benedetto del Tronto. Il sindaco Pasqualino Piunti presenzierà al taglio del nastro, seguiranno il saluto delle Autorità ed una tavola rotonda che vedrà stimati esponenti della psicologia, psicoterapia e psichiatria confrontarsi sul tema “Salute mentale, territorio e psicoterapia”.

Interverranno al dibattito il dr. De Berardis (DSM di Teramo), il dr. Giri (PsichiatriaArea Vasta 5), il dr. Valchera (Clinica S. Giuseppe di Ascoli Piceno), la dr.ssa Palmieri (DSM di Fermo), il dr. Pincherle (Neuropsichiatria Infantile di Macerata).

Il dibattito sarà un interessante momento di scambio e confronto in cui la cura della salute mentale si intersecherà con i servizi offerti dal territorio marchigiano ed abruzzese. Si esaminerà il contributo portato dalla psicoterapia
cognitivo comportamentale nell’ambito del panorama scientifico sulla salute psichica e l’importanza del fare rete, come risorsa e risposta concreta alle varie forme di disagio mentale.

L’evento è organizzato da Studi Cognitivi, un network di scuole di specializzazione che raccoglie attualmente più di 600 allievi, psicologi e medici, che stanno seguendo un corso di specializzazione post-lauream in psicoterapia cognitiva e cognitivo comportamentale.

Studi Cognitivi è stata fondata alla fine degli anni ’90 dalla professoressa Sandra Sassaroli, che aveva contribuito già dagli anni ‘70 alla conoscenza e alla diffusione della psicoterapia cognitiva in Italia. Gli obiettivi principali della scuola sono l’insegnamento di capacità diagnostiche fini che consentono di indirizzare il paziente verso il trattamento più efficace, l’integrazione tra le tecniche cognitive e cognitivo comportamentali standard e la sapienza nel gestire la relazione e il setting con pazienti anche difficili.

Il centro di psicologia clinica e di psicoterapia è costituito da docenti ed ex-allievi. In esso sono diagnosticati e trattati diversi disturbi psicologici in modo integrato e scientificamente informato in tutte le sedi in cui è presente la scuola e nei centri affiliati. Alla scuola afferisce inoltre un dipartimento di ricerca che ha prodotto in 20 anni di attività, più di 90 pubblicazioni su riviste internazionali, e promosso la partecipazione di docenti e studenti a congressi nazionali e internazionali.

La Scuola di San Benedetto del Tronto nasce come filiale della Scuola “Studi Cognitivi” di Milano. (Riconosciuta dal MIUR – Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – con decreto del 23 luglio 2001 come Corso di Specializzazione in Psicoterapia ai sensi dell’articolo 3 della legge 56/89) per volontà di Sandra Sassaroli e di Clarice Mezzaluna, che ne diventerà caposede, e del suo gruppo.

La dottoressa Mezzaluna è una terapista di grande esperienza, formata sia alle tecniche costruttiviste che cognitiviste standard. Ai tempi della sua fondazione la scuola di San Benedetto del Tronto si trovava in un’area dove le offerte di formazione eccellente erano poche. Il punto fondamentale della Scuola fin dal suo inizio è stato di mantenere e sviluppare le stesse qualità di eccellenza, di ambizione e di impianto psicoterapeutico e scientifico della scuola dalla scuola madre. Infatti i programmi didattici sono praticamente sovrapponibili.

La Scuola si caratterizza per un forte impianto clinico e scientifico. L’approccio clinico è cognitivista in modo compiuto nei primi due anni (Ellis, Beck, Kelly, Clark, Wells, Salkovskis e molti altri) mentre nel secondo biennio si insegna un approccio integrato che deriva dalle linee di intervento per i pazienti difficili generate dagli sviluppi recenti della tradizione cognitivocomportamentale (Young, Linehan) e psicodinamica (Fonagy, Kernberg e Clarkin, Mitchell e la psicanalisi relazionale).

Si insegnano inoltre altre tecniche quali Libet, EMDR, Mindfulness, ACT, tecniche di gestione della ruminazione, del rimuginio e così via. Studi Cognitivi, presente a San Benedetto del Tronto dal 2001, ha formato circa 250 terapeuti
che lavorano presso strutture pubbliche e private sul territorio nazionale ed ha organizzato congressi che hanno portato il contributo di prestigiosi studiosi nazionali e internazionali.

I professionisti del centro si occupano della psicoterapia a partire dall’età evolutiva fino alla senescenza, con equipe specializzate nei singoli trattamenti (spettro autistico, dipendenze patologiche, disturbi alimentari, disturbi di personalità, potenziamento e riabilitazione cognitiva, trauma, disturbi d’ansia, disturbi dell’umore).

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...