San Benedetto: situazione di degrado in via Premuda il consigliere Capriotti chiede un immediato intervento

SAN BENEDETTO – Sporco, immondizia, degrado e quant’altro in via Premuda verso le scalette che conducono al Torrente Albula. La situazione è deprecabile e ad oggi non c’è stato alcun intervento di pulizia della zona. Immediato l’intervento del consigliere comunale del Partito Democratico Tonino Capriotti che ha interrogato immediatamente il sindaco Piunti ed il consiglio comunale su questo tema.

“Si sente anche un odore nauseabondo. Dalle dichiarazioni dei residenti -scrive l’esponente politico democrat- non di rado il posto è visitato dai ratti che scendono dalle piante poste sulla via. Per sua memoria le allego alcune foto, le quali sono molto riduttive rispetto alla realtà: la puzza si può immaginare ma non vedere. Sicuramente non sarà l’unico posto della città che ha raggiunto un degrado di questo livello, ma considerata la zona molto transitata da turisti e residenti che dal centro si recano alla spiaggia e viceversa, ritengo indispensabile il vostro intervento.

Sono stato costretto a porre l’attenzione a questo Consiglio Comunale in quanto numerose segnalazioni e richieste dei cittadini non hanno sortito effetto. È sicuramente una sua competenza garantire l’igiene pubblica della città prima che si diffondano malattie. Rammento -aggiunge Capriotti- che l’art. 50 del Tuel, che sicuramente conoscerà bene, pone la responsabilità dell’igiene pubblica in capo al Sindaco, il quale deve adottare le ordinanze contingibili volte a superare situazioni di grave incuria o degrado del territorio e dell’ambiente o di pregiudizio del decoro e della vivibilità urbana. Direi che la norma ben si applica al caso specifico.

Le chiedo pertanto formalmente un intervento immediato di ripristino e mantenimento del decoro e dell’igiene della zona circostante via Premuda e le propongo di intervenire in modo definitivo -conclude Capriotti- o chiudendo quel passaggio o modificandolo, prendendo a modello le altre scalette presenti lungo il torrente Albula”.

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...