Concorso di Poesia

Sant’ Elpidio a Mare, al Teatro Cicconi in scena Corpus Pasolini

Sant'Elpidio a Mare - Teatro Cicconi chiuso per lavori
SANT’ELPIDIO A MARE – Appuntamento fuori abbonamento con la stagione teatrale al Teatro Cicconi giovedì prossimo 12 aprile con “Corpus Pasolini“. Un omaggio a colui che è considerato da molti, uno dei più grandi poeti che l’Italia abbia avuto; per altri, invece, un trauma da evitare. Certo un artista totale, curioso, eclettico, intellettuale contro, dall’impressionante lucidità, al limite della veggenza, che della diversità e dell’emarginazione ha fatto la sua poetica. Maestro di tanti, genio nel cinema, nella poesia, nella narrativa, nella saggistica, nella critica.
Una ricerca sull’intera opera di Pasolini vuol dire usare bisturi tagliente, sul suo corpo. Pier Paolo Pasolini mette sempre in primo piano, nei suoi film, nei suoi romanzi, nella sua poesia, e il corpo: del poeta martirizzato, del Cristo crocifisso, della madre, dei ragazzi di borgata, del paese. Nello spettacolo si cerca di interpretare pezzi di questi corpi. La morte violenta di Pasolini è trauma presente, è ferita inferta a una società intera.
Corpus Pasolini prende il via dall’ultima notte “di vita” dello scrittore. In un percorso a ritroso, si dipana il racconto della vita del poeta, come in una confessione, o un’impossibile e provocatoria intervista, attraverso le sue opere e i suoi scritti, dalle poesie “in forma di rosa” ai romanzi come Una vita violenta, fino al grande cinema Accattone, Mamma Roma, Uccellacci e Uccellini, Teorema, Salò, Il Vangelo secondo Matteo. Ma, soprattutto, è lo spietato analizzatore della società italiana, del cambiamento antropologico e del genocidio culturale che si andava tragicamente prefigurando, negli Scritti Corsari e nelle Lettere Luterane che viene fuori tutta la forza, la preveggenza e l’attualità di Pasolini.
C’è intatta tutta la sua disperata vitalità. Il suo amore per la vita: “bisogna resistere nello scandalo e nella rabbia, più che mai, ingenui come bestie al macello”. E c’è il suo testamento, toccante, immenso apocalittico scenario dell’Italia che siamo noi: l’intervista rilasciata a Furio Colombo, con le ultime profetiche, rabbiose e disperate parole di Pasolini, poche ore prima di venire ammazzato. Manca certo oggi, una voce come la sua, così intimamente nostra. Una voce sola, che dell’umile Italia, ha fatto il suo canto disperato.
Corpus Pasolini mette assieme i racconti di questa voce, una voce viva più che mai, e tende “una corda, anzi un cordone ombelicale” tra gli spettatori di oggi ed un poeta civile come Pasolini, che del cambiamento della società italiana e della “meglio gioventù” è stato il più appassionato e lucido e analista.
Le musiche più care al poeta sono eseguite dal vivo: Bach, Mozart, Vivaldi, la musica dei film di Pasolini, con effetti sonori, come un sogno dentro un sogno, fatto di immagini, narrazioni, preziose parole e videoproiezioni poetiche.
“Dopo la personalissima interpretazione della Bibbia da parte di Paolo Cevoli – dice l’Assessore alla Cultura Gioia Corvaro – a teatro arriva una proposta diversa, impegnata, che mira a far riflettere sull’indimenticata figura di Pierpaolo Pasolini”.
Informazioni e prevendite: Teatro Cicconi tel. 320/8105996; biglietterie del circuito AMAT Vivaticket tel 071/2072439; Call Center dello spettacolo delle Marche 071/2133600. Biglietti a 20 euro per la platea e 17 per la galleria (riduzioni rispettivamente a 17 e 12 euro riservate a under 25, over 65 e convenzionati vari).

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...