Concorso di Poesia

Sant’ Elpidio a Mare, il bilancio 2016 della Polizia Urbana

SANT’ ELPIDIO A MARE – Il sindaco Alessio Terrenzi e il Comandante della Polizia Locale Magg. Stefano Tofoni stilano un bilancio dell’attività svolta dal Corpo di Polizia Locale nel corso dle 2016, dati alla mano.
Più di 1000 le ore di apertura al pubblico dell’ufficio front office (ordinaria e/o straordinaria), 592 le segnalazioni pervenute contro le 425 dell’anno precedente e a ciascuna è stato dato adeguato seguito e riscontro.
La sicurezza stradale è stato uno degli obiettivi primari di intervento con oltre 13.000 ore dedicate al servizio esterno, anche con l’introduzione del servizio serale nel periodo estivo, che hanno portato tra l’altro all’accertamento di 2.269 violazioni al CdS . A supporto dell’attività degli Operatori sono state utilizzate strumentazioni quali il Falco 193 per l’accertamento  del corretto assolvimento degli obblighi assicurativi e di revisione dei mezzi e l’Autovelox  mod. 104/ F per il rilievo di violazioni connesse ai limiti di velocità consentiti. La presenza garantita “su strada” ha portato all’accertamento di 545 violazioni dell’art. 142 CdS – velocità –  (a fronte delle 369 dell’anno precedente), di 328 violazioni dell’art. 80 – revisione – (281 nel 2015), di 59 violazioni dell’art. 180 – documenti di guida – (53 nell’anno precedente) e di 1 intervento per guida in stato di alterazione per l’uso di alcool e sostanze stupefacenti.
In totale 1.416 i punti decurtati nel corso dell’anno a seguito di violazioni al Codice della Strada. Particolare attenzione è stata posta ai controlli finalizzati alla verifica del corretto uso delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta anche all’interno dei centri abitati con un riscontro di 32 violazioni specifiche (19 nell’anno precedente), così come sono stati previsti servizi di pattugliamento mirati al controllo dell’assicurazione e responsabilità civile con l’accertamento di 74 violazioni e relativi sequestri di mezzi ai fini di successiva confisca (50 accertamenti positivi nel 2015). Non si è trascurata la tradizionale attività di controllo delle irregolarità relative ad arresto, fermata e sosta dei veicoli con riscontri di n. 303 violazioni all’art. 157 CdS, n. 122 violazioni all’art. 158 e 336 violazioni all’art. 7 CdS (nel 2015 erano state rispettivamente 352, 83 e 208). 72 i verbali relativi a veicoli irregolarmente in sosta negli spazi riservati ai residenti.
“L’attività della Polizia Locale non è stata impostata sulla repressione, non è questo lo spirito – dice il sindaco Terrenzi – ma il controllo ed il presidio del territorio, per la sicurezza di tutti, passa anche per le sanzioni dei comportamenti che non rispettano la normativa vigente. Sono tanti i fronti su cui gli agenti di Polizia Locale sono impegnati ed a tutti loro va il mio personale ringraziamento, e quello di tutta l’Amministrazione Comunale, per l’attività che svolgono sia in situazioni di normalità che di emergenza. Non dimentichiamo che sono state diverse le situazioni di emergenza che  ci siamo trovati a gestire e ringrazio il Maggiore Tofoni e tutto il suo staff. Assieme a loro un doveroso ringraziamento, pensando all’emergenza, va anche al personale del 118, ai volontari della Croce Azzurra e della Protezione Civile per il prezioso supporto”.
“Gli operatori del Corpo della Polizia Locale -aggiunge il primo cittadino- si sono adoperati per fronteggiare le situazioni di pericolo che si sono registrate e che hanno resa necessaria l’apertura del Centro Operativo Comunale proprio nella sede della Polizia Locale. Si è in più circostanze proceduto ad evacuare edifici pubblici e privati a seguito di ordinanze sindacali emanate per ragioni di sicurezza ed a tutela della pubblica incolumità e a perimetrale le aree a rischio per una prima e provvisoria messa in sicurezza delle stesse. Si sono studiati ed attuati percorsi veicolari e/o pedonali alternativi per limitare i disagi e consentire il ritorno alla normalità nel più breve tempo possibile, si è supportata l’attività del Sindaco in relazione a quanto di competenza per gli atti ed i provvedimenti assunti e si è mantenuto un costante coordinamento con la Protezione Civile ed il Corpo dei Vigili del Fuoco per gli interventi da effettuarsi od effettuati sul territorio di riferimento”.
“Nell’emergenza si è garantita l’apertura degli uffici della Polizia Locale per oltre 13 ore giornaliere con possibilità di segnalare situazioni od eventi anche solo potenzialmente pericolosi nell’arco delle 24 ore. Particolare attenzione si è prestata alla cittadinanza ed alla necessità di assicurare un supporto anche, ma non esclusivamente, concreto nelle contingenze, cercando di garantire, pur nelle circostanze emergenziali, un adeguato livello di sicurezza. Allo scopo, e per scongiurare episodi di sciacallaggio,  si sono potenziati i servizi, anche appiedati, di pattugliamento nelle aree maggiormente colpite. Parte dell’attività amministrativa successiva al momento emergenziale è ancora in essere- conclude il sindaco Terrenzi- ma tutte le pratiche connesse agli eventi sismici e agli eventi atmosferici eccezionali che hanno colpito il territorio sono state esperite dagli Operatori del Corpo della Polizia Locale, per quanto di competenza, nei tempi designati garantendo ai cittadini e all’Amministrazione costanti sostegno ed impegno”.
Gli interventi per incidenti stradali si sono attestati sostanzialmente sugli stessi livelli dello scorso anno, con  46 interventi nel 2016 contro i 49 nel 2015. L’attività amministrativa degli Uffici della Polizia Locale ha consentito l’evasione di 191 pratiche relative al rilascio di autorizzazioni all’occupazione del suolo pubblico, 6  pratiche legate al rilascio di passi carrabili, e  64  pratiche per il rilascio dei tesserini per la circolazione dei disabili. 16 sono stati i ricorsi, di cui 10 al Giudice di Pace e 6 innanzi al Prefetto, cui si è data risposta in termini di controdeduzioni e costituzione in giudizio davanti all’Autorità. 69 le pratiche relative ad informazioni ed investigazioni per attività comunali e di altri Enti espletate.
Costante è stato il controllo ed il monitoraggio della segnaletica con sopralluoghi preventivi alla posa di nuovi segnali o per deviazioni del traffico conseguenti a lavori in corso. Impegno è stato pure garantito per la dovuta valutazione di proposte di intervento sulla viabilità e per gli studi di fattibilità legati a segnalazioni dei cittadini e degli amministratori.
In particolare, nel corso dell’anno, si è provveduto tra l’altro alla posa di un attraversamento pedonale rialzato in via A. Moro del Capoluogo, allo scopo di tutelare la sicurezza dei pedoni in un tratto di strada a forte transito veicolare e a servizio del locale Ufficio Postale. Nel corso dell’anno 2016 è stato posizionato all’ingresso di Corso Baccio un varco elettronico per verificare gli accessi al centro storico al fine di potenziare l’attività di controllo e, di riflesso, innalzare i livelli di sicurezza percepita e reale.
L’attività di Polizia Giudiziaria, condotta in costante collaborazione con l’Autorità Giudiziaria e in coordinamento con  le altre Forze di Polizia, ha visto gli Operatori della Polizia Locale impegnati in un assiduo controllo dell’intero territorio e in mirate attività di indagine e raccolta prove. Nel mese di  aprile  si è proceduto ad un arresto in flagranza di reato di un cittadino tunisino. Il soggetto, trovato senza documenti durante un controllo di routine, è stato accompagnato presso il Commissariato di Fermo per le procedure finalizzate all’identificazione a mezzo AFIS.
I controlli eseguiti presso il Gabinetto regionale della Polizia Scientifica di Ancona permettevano l’identificazione di persona sulla quale gravavano diversi procedimenti penali e che era già stata soggetta ad ordine di espulsione dalla frontiera di Linate – Milano a seguito di relativo decreto del Prefetto di Ancona datato 16.11.2011. In attesa del processo il cittadino tunisino, sotto la costante sorveglianza del personale del Corpo della Polizia Locale, è stato trattenuto presso le Camere di Sicurezza del Commissariato e quindi accompagnato di fronte all’Autorità Giudiziaria per essere sottoposto a processo.
Accanto alle attività tradizionali, nel corso dell’anno 2016 si sono introdotte o potenziate azioni di controllo effettuate attraverso interrogazioni al sistema di videosorveglianza che si sono rilevate particolarmente interessanti ed hanno prodotto sviluppi in attività investigative. In particolare si è istituita un’attività di indagine  integrata con le altre Forze di Polizia che, grazie ad un sistema di allert collegato alle immagini riprese dalle telecamere, oltre cinquanta, posizionate su tutto il territorio comunale, ha consentito l’individuazione di mezzi collegati a reati consumati e sui quali erano in corso indagini o di registrare in tempo reale il passaggio di mezzi oggetto di furto. Il tutto ha reso possibile interventi  tempestivi e, nella maggioranza dei casi, risolutivi. In totale le informative di reato trasmesse all’Autorità Giudiziaria sono state 36.
L’attività di polizia giudiziaria è stata inoltre contraddistinta dalla raccolta di querele/denunce (n. 22 quelle ricevute nel corso dell’anno 2016), cui sono seguite le relative attività di indagine e le dovute informative all’Autorità Giudiziaria, ed una attenta ed intensa l’opera di prevenzione sul territorio concentrata soprattutto, ma non esclusivamente, nelle località e negli orari individuati come “a maggiore rischio” a seguito di un accurato vaglio delle segnalazioni pervenute. 2 i sequestri penali nel corso dell’anno 2016.
La materia ambientale si è caratterizzata nel corso dell’anno 2016 per una azione di accertamenti e verifiche che ha portato a riscontrare n. 8 violazioni legate all’abbandono di rifiuti su suolo pubblico o al loro non corretto smaltimento, n. 39 violazioni per mancata o non corretta pulizia dei fondi privati o per inosservanza delle norme fissate dal Regolamento e n. 24 violazioni amministrative legate alla non corretta detenzione o registrazione di animali. 5 sono stati gli accertamenti che hanno portato al segnalazioni di notizie di reato per materie ambientali all’Autorità Giudiziaria. Sono stati disposti controlli tesi a garantire il rispetto del decoro e dell’igiene urbana prevenendo e sanzionando comportamenti scorretti e si è potenziata l’attività a supporto dei mezzi di spazzolamento delle strade urbane.
Il controllo in materia commerciale si è esplicato attraverso operazioni specifiche condotte durante tutto il corso dell’anno ai distributori di carburanti e, nei periodi di vendite straordinarie,  a tutti gli esercizi interessati. A questa attività si sono affiancati controlli amministrativi legati ad aperture/chiusure/spostamenti attività, sorvegliabilità dei locali, corretta comunicazione dei prezzi, rispetto degli orari di apertura. Il lavoro svolto ha evidenziato n. 18  violazioni che hanno determinato sanzioni per un importo di 14.964,00 euro.
Costanti nel corso dell’anno le attività di vigilanza legate al commercio su aree pubbliche od in forma itinerante. Oltre 80 le pratiche relative al settore commerciale nell’anno 2016 (72 quelle seguite nel corso del 2015).

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento