SBLOCCATI I FONDI PER L’ALLUVIONE 2011

SBLOCCATI I FONDI PER L'ALLUVIONE 2011

Nuova tranche di finanziamenti da parte della Regione Marche per i Comuni e le Province duramente colpiti dagli eccezionali eventi alluvionali del marzo 2011. Per il fermano, in particolare, a beneficiarne saranno la Provincia (€ 529.475,26), il Comune di Fermo (€ 14.743,32), il Comune di Montegranaro (€ 45.359,01) e il Comune di Sant’Elpidio a Mare (€ 69.188,96).

E’ quanto comunica in una nota il consigliere regionale Letizia Bellabarba:
“Questi fondi sono stati sbloccati poiché sono a valere sulla contabilità speciale n. 5705, istituita con un’ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri e quindi non legati al bilancio regionale. Sono risorse importanti perché permetteranno una boccata d’ossigeno ai nostri Enti Locali e soprattutto, potranno essere pagate, almeno in parte, le imprese che hanno eseguito i lavori e le cui fatture, in alcuni casi, ancora non sono state del tutto saldate, nonché utilizzati, purtroppo, per far fronte ai nuovi danni che il nostro territorio sta subendo in queste ore. Domani, inoltre, uscirà anche la graduatoria per il risarcimento danni ad Aziende e privati cittadini, provvedimento lungamente atteso soprattutto dagli imprenditori del Comitato 2 marzo – anche in questi giorni costretti a fronteggiare un’ondata di forte pioggia che sta mettendo di nuovo a rischio la loro attività – che, a quattro anni dalla terribile alluvione, potranno finalmente cominciare a ricevere una parte del risarcimento a loro dovuto. A questo seguirà poi la nuova delibera per l’assegnazione degli ulteriori fondi, riservati – questa volta – solo alle Imprese che hanno subìto danni alle scorte di magazzino, alle merci e ai beni strumentali. Si tratta di oltre 1.3 milioni di euro da destinare direttamente alle Aziende, che potranno inviare la richiesta di contributo senza dover passare, in questo caso, attraverso i rispettivi Comuni, evitando, così, un ulteriore passaggio burocratico. Come ho spesso ribadito, nessuna cifra risarcirà mai dei danni realmente subìti dai territori e dai cittadini colpiti da questi eventi, non solo in termini economici ma soprattutto dal punto di vista emotivo e psicologico – dato che ad ogni pioggia il terrore e la paura ritornano – ma le Istituzioni devono fare in modo che quelle poche o tante risorse vadano ad alleviare almeno una parte della loro sofferenza”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento