SCUOLE, IMPRESE, ISTITUZIONI: IL PMI DAY DEL FERMANO FA CENTRO

SCUOLE, IMPRESE, ISTITUZIONI: IL PMI DAY DEL FERMANO FA CENTRO

Scuole, imprese e istituzioni: insieme per rendere il sistema economico del territorio del Fermano più competitivo e più forte. E’ questo il messaggio trasmesso dal Pmi Day, quinta edizione della Giornata Nazionale delle Piccole e medie imprese organizzata e coordinata dalla Piccola industria di Confindustria Fermo presieduta da Roberto Cardinali. Un’edizione che, visti i numeri, ha superato quella dello scorso anno: 1.650 studenti delle scuole medie e superiori hanno visitato 36 aziende di 15 Comuni della Provincia. Numeri che proiettano l’iniziativa fermana fra le prime in Italia in termini di partecipazione, anche in considerazione del fatto che negli ultimi anni l’iniziativa ha visto un progressivo aumento delle adesioni sia delle imprese che degli alunni: nel 2012 gli studenti erano 430 (14 le aziende), nel 2013 1.200 (24 le imprese). L’obiettivo di poter trasferire nelle nuove generazioni la cultura d’impresa è stato dunque raggiunto nel Fermano. A corollario di quello che è stato un vero e proprio evento l’inaugurazione del museo della calzatura all’interno del calzaturificio Doucal’s di Montegranaro. L’azienda, leader nella produzione di calzature uomo, fondata 41 anni da Mario Giannini ed oggi guidata dai figli Jerry e Gianni, ha voluto così celebrare l’anniversario dalla nascita con l’apertura di un interessante spazio museale che racchiude un’intera retrospettiva produttiva dagli anni ‘70 ad oggi, esposta secondo una scelta didascalica e cronologica nella quale fanno bella mostra anche apparecchiature meccaniche ed utensili utilizzati negli anni dai maestri calzaturieri.

Al taglio del nastro erano presenti molte autorità locali che hanno così voluto testimoniare la loro vicinanza sia al Pmi Day che alla nuova iniziativa aziendale.

Lo Stato è attento a tutte quelle manifestazioni che valorizzano il territorio che ha in questo distretto calzaturiero il suo cuore economico. Un plauso a tutti i protagonisti di questa iniziativa” – ha dichiarato Francesco Martino, vice Prefetto e Capo di Gabinetto della Prefettura, intervenuto a nome del Prefetto di Fermo Angela Pagliuca.

Bisogna dare atto al Pmi Day di voler e saper coinvolgere i giovani e di saperli mettere in contatto con il mondo del lavoro. E’ affascinante creare impresa: questo il messaggio che deve passare e la più bella testimonianza è quella che ci viene data oggi dalla passione e dalla determinazione della famiglia Giannini” – ha affermato il Presidente della Provincia di Fermo Fabrizio Cesetti.

In questo periodo di crisi dobbiamo dire che il nostro territorio ha saputo tenere duro o comunque qui il tessuto sociale ha retto – ha aggiunto il sindaco di Montegranaro Ediana Mancini (presenti anche il vice sindaco Endrio Ubaldi e l’assessore al commercio Giacomo Beverati). Un’amministrazione comunale ha il compito di supportare le aziende creando servizi e favorendo la messa in rete o a sistema di tutto ciò di cui il territorio trae beneficio, senza dimenticare l’aspetto promozionale e turistico”.

Nell’azienda che oggi ci ospita c’è la sintesi di quanto è necessario per poter far fronte al periodo di crisi ovvero l’internazionalizzazione, la qualità del prodotto ed il passaggio generazionale – ha dichiarato il Presidente della Camera di Commercio di Fermo Graziano Di Battista. I periodi difficili sono quelli che stimolano di più, sono una sfida per le imprese che se sanno coniugare passione e competitività con quanto di meglio il territorio offre possono affrontare con maggiore successo i mercati”.

Crediamo fondamentale per la crescita e lo sviluppo di un territorio che il mondo del lavoro e quindi le imprese siano in grado di poterne veicolare l’immagine, attraverso la promozione congiunta del prodotto, in questo caso calzaturiero, con le risorse artistiche, storiche, culturali, paesaggistiche ed enogastronomiche che il territorio propone” – hanno affermato i titolari della Doucal’s Jerry e Gianni Giannini.

Questo evento – ha aggiunto il direttore di Confindustria Fermo Giuseppe Tosiè la testimonianza diretta degli ottimi risultati che si ottengono se enti, istituzioni, imprese, associazioni di categoria e scuola lavorano in squadra e sono uniti”.

Da Milano Andrea Santori, Presidente di Confindustria Fermo, ha dichiarato: “il tema del Made in  è cruciale per le PMI, soprattutto se operano sui mercati internazionali in cui l’esposizione a concorrenza sleale è rilevante e destinata ad ampliarsi, in assenza di interventi specifici a contrasto. Sono convinto che nella giornata di festa per la PMI, possa essere riservata un’attenzione particolare a questo tema ed in generale a tutte le istanze delle imprese, che nei territori svolgono un ruolo insostituibile di motore di sviluppo e coesione sociale”.

Roberto Cardinali, Presidente della Piccola Industria di Confindustria Fermo, in conclusione ha dichiarato: “negli ultimi due anni di attività abbiamo coinvolto 5.600 giovani della Provincia e di tutta Italia nelle nostre iniziative, con il PMI DAY, il concorso Ripensiamo il Futuro che lanciamo nuovamente a Dicembre, e gli incontri di orientamento nelle scuole. Credo che per creare nuovi posti di lavoro, sono necessari prima di tutto dei nuovi imprenditori curiosi, geniali ed innovatori. Se vogliamo costruire le basi del ricambio generazionale e portare in azienda energie e professionalità nei prossimi anni, dobbiamo necessariamente rafforzare il rapporto fra scuole, imprese ed istituzioni. Su questo tema si gioca gran parte della competitività del sistema Paese in un mercato globale in cui gli investimenti in ricerca e formazione sono al centro della politica industriale di molti Paesi emergenti”.

Gli istituti scolastici superiori che hanno aderito sono: Liceo Scientifico “T.C. Onesti”, Liceo Classico “A. Caro”, Itis “Montani”, ITCG “Carducci-Galilei”, Istituto Professionale “O. Ricci”, Liceo Scientifico L. da Vinci, Liceo Artistico “Preziotti-Licini”, tutti di Fermo e l’Istituto “Einaudi” di Porto Sant’Elpidio (e alunni degli istituti di Sant’Elpidio a Mare e Montegiorgio). Le scuole medie: “Fracassetti”, “Da Vinci-Ungaretti” e “Ugo Betti” di Fermo, l’ISC di Falerone (alunni degli istituti di Falerone, Servigliano e Montappone), l’ISC “Pagani” di Monterubbiano, l’ ISC di Montegranaro (alunni di Montegranaro e della “Ramadori” di Monte San Pietrangeli), “G. Cestoni” di Montegiorgio (alunni dell’istituto di Grottazzolina), l’ISC 2 “Rodari-Marconi”di Porto Sant’Elpidio e l’ISC 1 “Montalcini”di Porto Sant’Elpidio, ISC “Nardi” di Porto San Giorgio, ISC Force – Santa Vittoria in Matenano, ISC di Monte Urano.

Le aziende, invece, sono: Doucal’s, RDB e Idea84 di Montegranaro, Sicap, Loriblu, Moretti, Giviplast di Porto Sant’Elpidio, Florens, Aurora, Missouri, Malaspina e Steca di Monte Urano, Royal di Casabianca di Fermo, Villa Lattanzi di Torre di Palme, Da.Mi, Andolfi, Vittorio Virgili e Eurograf di Sant’Elpidio a Mare, Matricardi di Montecosaro, New System e Francesco Girolami di Falerone, Filplast e Tecnometal di Montegiorgio, Il Caminetto di Porto San Giorgio, Bros e SP Plast Creating di Grottazzolina, Silvano Sassetti di Monte San Pietrangeli, Funari di Servigliano, Tecnogeneral, Giorgio Fabiani, Ferbox, Tre Elle e Alberto Fasciani di Fermo, Axis di Monte Vidon Corrado, Complit di Montappone e Agroalimentare Ciriaci di Moresco.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento