Smantellato giro di prostituzione cinese, case d’appuntamenti anche a San Benedetto


SAN BENEDETTO – Stroncato giro di prostituzione cinese in Riviera. I Carabinieri hanno arrestato, nella giornata di ieri, tre cinesi , due uomini di 52 e 60 anni ed una donna di 49 in quanto membri di spicco di un’organizzazione criminale che gestiva un giro di prostitute le quali operavano all’interno di appartamenti presi in affitto anche nell’area di San Benedetto, oltre che nelle zone di Pescara e in Emilia.

Il sessantenne è stato arrestato a Modena, gli altri due nel teatino e sono tutti accusati di sfruttamento della prostituzione di giovani donne connazionali. I carabinieri sono riusciti a documentare dettagliatamente il giro d’affari dei tre arrestati accertando che in due reperivano appartamenti in varie località di Pescara, San Benedetto del Tronto, San Salvo e Sulmona.

Gli appartamenti venivano intestati ad altre persone, dei complici, e poi fatti occupare dalle giovani donne. Il secondo uomo arrestato, quello residente a Modena, risultava addirittura dal 2015 al 2019 locatario di ben 21 immobili ubicati in vari Comuni nonché amministratore di due società e titolare di un’impresa individuale afferente al mondo dei massaggi.

Naturalmente le donne negli appartamenti non avevano autonomia e lavoravano molte ore al giorno. Il denaro che i gestori incassavano dall’attività di prostituzione, in parte veniva inviato in Cina in occasione di viaggi di loro parenti o conoscenti, ai quali affidavano anche costosi Rolex e gioielli che acquistavano con il denaro.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...