Startup Tunisie, l’esperienza di Fano e il ruolo dei Comuni nella cooperazione territoriale


FANO – “L’esperienza di Fano e il ruolo dei comuni nella cooperazione territoriale”è il titolo del convegno in programma domani giovedì 12 maggio alle ore 14.30 alla Memo-Medateca Montanari al fine di illustrare i risultati del progetto di cooperazione territoriale “Startup Tunisie”, co-finanziato dall’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Bando AICS – Iniziativa Partenariati territoriali) con Fano comune capofila, finalizzato a promuovere opportunità lavorative nella regione nord-ovest della Tunisia, attraverso la creazione di start up del sistema agroalimentare, con l’obiettivo di costruire relazioni di conoscenze tra imprese agricole biologiche marchigiane e imprese tunisine.

Alla MeMo-Mediateca Montanari, dopo l’introduzione del sindaco Massimo Seri interverranno Matteo Ricci, sindaco di Pesaro e presidente Ali; Antonio Ragonesi, Anci; Marina Sereni sottosegretaria Ministero Affari Esteri; Alessandro Tassi Carboni, presidente del Consiglio del comune di Parma; Giorgio Calcagnini, Rettore Università degli Studi di Urbino Carlo Bo; Fabio Musso, Prorettore dell’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo; Nicola Manca, Consulente Lega delle Autonomie per la Cooperazione.

A seguire, dopo l’introduzione del chairman Ivan Antognozzi, si proseguirà con la presentazione e l’approfondimento del progetto Start Up Tunisie e il valore dell’impresa per il territorio ai quali parteciperanno le organizzazioni partner del progetto (Cefa, Uniurb, ConMarcheBio, Ali, Cefa Italia, Fondazione Cante di Montevecchio) gli imprenditori tunisini e i rappresentanti delle associazioni di categoria, delle imprese sociali e del Terzo settore del territorio, quali: L’Africa Chiama, Coop. Labirinto, Cooperativa Contatto, Lega Coop Marche, Confcooperative Marche, Cia Pesaro e Urbino, Coldiretti Pesaro e Urbino.

Il convegno si chiuderà con le conclusioni a cura di Andrea Senatori – Direttore Sede Regionale di Tunisi di AICS – Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo, che ha co-finanziato il progetto. Il partenariato italo-tunisino con Fano ente capofila è composto da Lega delle Autonomie Locali – Legautonomie, Università degli Studi di Urbino Carlo Bo – Dipartimento di Economia, Società, Politica, CEFA onlus, Consorzio Marche Biologiche, Fondazione Agraria Cante di Montevecchio e altri partner tunisini.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...