Concorso di Poesia

Super Aridità e Mancuso gol permettono alla Samb di pareggiare con la Feralpi Salò

SAN BENEDETTO – Le parate di Aridità, una traversa ed il rigore trasformato da Mancuso permettono alla Samb di tornare da Salò con un punto. Un pareggio sofferto conquistato contro una diretta concorrente per il settimo posto. Se i lombardi avessero vinto, infatti, ci sarebbe stato l’aggancio in classifica all’ undici rossoblù. Ed invece ecco l’ 1-1 finale che scontenta i padroni di casa ma che, allo stesso tempo, premia la Samb, soprattutto per il numero di occasioni da rete create. Caglioni, estremo difensore di casa, praticamente non ha dovuto effettuare un intervento degno di questo nome, mentre dall’ altra parte Vicenzo Aridità è stato decisivo in almeno tre occasioni.

Sanderra, a sorpresa, rispolvera Agodirin nel 4-3-3 iniziale. L’attaccante nigeriano viene preferito a Vallocchia, forse per la sua maggiore propensione al sacrificio ed al ripiegamento difensivo. Però se da una parte si è dannato l’anima, dall’ altro è parso evanescente in fase offensiva.  La Feralpi Salò, doveva fare a meno del bomber Gerardi, con mister Serena che inserisce Tassi e Bracaletti in appoggio a Guerra. I padroni di casa partono subito forte e dopo un minuto e quarantatre secondi è Aridità a deviare una conclusione di Guerra.

E’ la Feralpi a fare la partita con la Samb che prova a chiudere i varchi. Al 17’ una conclusione di Parodi sfiora il palo ad Aridità battuto. Un minuto dopo ecco la clamorosa occasione sprecata dai lombardi. Precisa verticalizzazione di Settembrini per Guerra che entra in area, salta Aridità ma a porta vuota spara alto. Al 32’ è Gambaretti di testa a sfiorare il vantaggio. Insomma Samb chiusa nella propria trequarti ed incapace di costruire gioco. Il motivo?

E’ presto detto. La Feralpi Salò con il rombo a centrocampo ha praticamente marcato ad uomo Bacinovic che non è mai riuscito ad illuminare il gioco della Samb. Nella ripresa il canovaccio del match non cambia. Al 5’ Tassi colpisce la traversa con un missile da fuori area, mentre cinque minuti dopo è ancora Aridità a stoppare le velleità di segnare dei padroni di casa. Sanderra sostituisce Sorrentino con Bernardo ma il prodotto non cambia. Samb sempre inconcludente in avanti. Ed al 22’ st la Feralpi Salò passa in vantaggio.

Sabatino, in evidente difficoltà, prima perde palla appena fuori area, poi mette giù dentro i sedici metri, in fase di recupero, Luche. Per Guccini di Albano Laziale, nonostante le proteste, è rigore. Per Sabatino ecco il doppio giallo con la Samb che resta in dieci. Dal dischetto Guerra non sbaglia. Poteva essere la mazzata decisiva ed invece, la Samb non si disunisce nonostante l’inferiorità numerica. Sanderra inserisce prima Lulli per Damonte per dare più verve al centrocampo e poi Vallocchia per Agodirin, passando al 3-3-3. E al 32’ ecco il pareggio. Bacinovic viene cinturato in area e per Guccini è di nuovo rigore. Mancuso realizza con una gran botta all’ incrocio dei pali, mettendo così a segno il suo diciannovesimo centro stagionale.

La Feralpi Salò, dopo il gol del pareggio continua a protestare e ne fa le spese Gambaretti che viene espulso per proteste. Con la parità numerica in campo la Samb riesce a contenere le iniziative dei locali che al 40’ st, però, si rendono pericolosi con un affondo di Codromaz. Mentre un minuto dopo ci prova Vallocchia la cui conclusione termina sul fondo. E così Pezzotti e compagni portano a casa un punto d’ oro ed attendono la visita della Reggiana in un altro big match in prospettiva play off.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento