“Tana libera tutti”, un parco inclusivo ai Giardini Diaz di Macerata

MACERATA – Nella Giornata internazionale delle persone con disabilità, istituita nel 1992 dall’ONU e che viene celebrata ogni anno il 3 dicembre, il Comune di Macerata, in collaborazione con la Fondazione Anffas di Macerata e con il sostegno mediatico di E’Tv Marche e il centro commerciale Val di Chienti, lancia un progetto di raccolta fondi per realizzare un parco inclusivo all’interno dei Giardini Diaz: “Tana Libera Tutti”.

Un progetto, nato da una richiesta di Matteo Carancini, dipendente del Comune di Macerata con disabilità, che ha l’obiettivo di abbattere le barriere architettoniche, una delle peculiarità che maggiormente incidono sul miglioramento della qualità della vita di una città.

È stato pensato un progetto inclusivo a 360° e non ad una “zona disabili”.  “Tana Libera Tutti”,  oltre a garantire il gioco a chi ha una disabilità motoria grave e usa una carrozzina, sarà uno spazio che permetterà di giocare anche ai bambini con disabilità sensoriali o relazionali.

I bambini, prima di tutto, hanno bisogno di interagire con i propri coetanei, da qui la differenza tra accessibile in senso tecnico e inclusivo. Immaginiamo giochi e attività inclusiva, quella che costruisce l’opportunità di inclusione e interazione offrendo possibilità di fruizione, anche diversa, al maggior numero di utenti possibili.

Dal 4 dicembre al 31 gennaio sarà possibile fare una donazione a favore del progetto tramite la piattaforma GoFundMe: l’obiettivo è quello di raggiungere 15.000 euro per poter acquistare vari giochi da esterno adatti ai bambini disabili.

Il Comune di Macerata, grazie al vice sindaco e assessore alle Politiche Sociali Francesca d’Alessandro, ha subito preso a cuore l’iniziativa mettendo a disposizione un’area all’interno dei Giardini Diaz: “Prima di tutto un bambino con disabilità è un bambino e deve poter giocare, come gioca ogni bambino inserito all’interno di un contesto favorevole e disponibile ad accogliere le differenze in quanto tali.

In questo senso giardini pubblici accessibili costituiscono un’importante risorsa per una città accogliente e inclusiva perché giocando insieme sarà più semplice conoscersi ed apprezzarsi nelle proprie diversità. Quindi grazie ancora una volta al gioco di squadra sarà possibile compiere un ulteriore passo verso l’inclusione rendendo i Giardini Diaz un luogo importante di aggregazione e socializzazione che coinvolgerà tutti i bambini, con e senza disabilità, garantendo a tutti il diritto al gioco”.

“L’impegno che l’Amministrazione dedica al superamento delle barriere architettoniche va oltre i minimi obblighi di legge – interviene l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Marchiori -. Questa bella iniziativa si innesta in un percorso di rigenerazione che ha l’ambizione di far dialogare gli ambiti architettonici, urbanistici e sociali. Preferisco, pertanto, che si parli di accessibilità urbana piuttosto che di abbattimento di barriere perché la visione deve essere quella di vivere i contesti della Città in modo pieno e non di passarci accanto”.

“Rendere i parchi cittadini inclusivi, per tutti – afferma l’assessore ai Parchi pubblici Paolo Renna – è una delle priorità di questa Amministrazione. Una città che guarda alle esigenze di tutti è una città più vivibile”.

“In linea con la nostra missione fondante – interviene Marco Scarponi, presidente della Fondazione Anffas Macerata -, siamo felici di supportare il progetto ‘Tana Libera Tutti’, fortemente voluto dal Comune di Macerata, che punta alla realizzazione di una nuova area giochi nei Giardini Diaz: uno spazio inclusivo, accessibile a tutti, che diventerà un nuovo luogo di aggregazione e condivisione in grado di arricchire il tessuto urbano e sociale della nostra comunità”.

“Abbiamo subito aderito alla proposta di partecipare fattivamente al progetto ‘Tana Libera Tutti’ – afferma Gianluca Tittarelli, direttore del centro commerciale Val di Chienti –   che è nato grazie alla sensibilità e alla determinazione del nostro amico Matteo Carancini. E’ stato in qualche modo semplice ritrovarsi intorno a un tavolo con realtà importanti del nostro territorio come Anffas e E’Tv Marche e con il Comune di Macerata che ha patrocinato l’iniziativa perché da un’idea positiva non può che nascere la collaborazione di tutti.

Noi come centro commerciale Val di Chienti offriamo la disponibilità della nostra struttura e della nostra Agenzia di Comunicazione, la Proxima di Modena, per supportare tutte le fasi del progetto nelle declinazioni comunicative. Ovviamente useremo i nostri social e la comunicazione in Galleria per promuovere e diffondere la campagna di raccolta fondi”.

L’inaugurazione del parco “Tana Libera Tutti” è prevista per l’estate 2022. Oggi, sempre in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità, alle 21 al Teatro Lauro Rossi, organizzata dall’assessorato alle Politiche sociali del Comune di Macerata e dalla Cooperativa Sociale Il Faro, in programma la serata “La voce dei Siblings: fratelli e sorelle che si raccontano”.

Un evento con momenti di  riflessione di alto valore socio-educativo con professionisti della Cooperativa Il Faro, letture con la collaborazione di Minimo Teatro, musica con Scuola Civica di Musica Stefano Scodanibbio, comicità con la partecipazione de “I Terconauti” trio artistico che racconta la disabilità come una sfida verso infinite possibilità e la collaborazione dell’ Anffas di Macerata con i gadgets preparati da Tutti Incluso. L’evento, completamente gratuito, è su prenotazione da effettuare alla Biglietteria dei Teatri,  piazza Mazzini, 10.

Al centro di aggregazione “Ci sono anch’io” – che dal 2017 accoglie adolescenti con problemi di disabilità e fornisce ai ragazzi, tra le altre cose,  un ambiente creativo, sereno e propositivo per la gestione del tempo libero in cui apprendere e sviluppare competenze e abilità comunicative, relazionali e di autonomia –   è in corso il progetto di arteterapia “Colori in libertà” condotto dalla dottoressa Laura Filoni.

Il progetto mira ad aumentare la consapevolezza sulla propria e altrui fisicità,  ad accrescere le competenze emotive e di integrazione sociale, creare un clima di fiducia e di collaborazione, sviluppare la creatività e a favorire introiezione, rappresentazione, identificazione e diversificazione.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...