TENSIONI RUSSIA-UCRAINA – VICINANZA DI CONFINDUSTRIA NAZIONALE AGLI IMPRENDITORI DEL FERMANO

squinzi

TENSIONI RUSSIA-UCRAINA – VICINANZA DI CONFINDUSTRIA NAZIONALE
Lettera del Presidente Giorgio Squinzi ad Andrea Santori

“Confindustria condivide appieno l’auspicio di perseguire una efficace soluzione diplomatica che favorisca la normalizzazione delle relazioni politiche tra Ue e Russia e ripristini al più presto le normali condizioni per sviluppare le transazioni commerciali ed evitare che i già rilevanti danni subìti dal nostro sistema si acuiscano ulteriormente”.

Sono le parole della lettera che il Presidente di Confindustria Giorgio Squinzi ha inviato al Presidente dell’associazione fermana Andrea Santori, dopo che il numero uno della territoriale aveva scritto al Presidente del Consiglio dei Ministri Renzi, al Ministro dello Sviluppo Economico Guidi e, per conoscenza, al Presidente nazionale degli industriali nel penultimo giorno di TheMicam a Milano, manifestando loro la forte preoccupazione degli industriali del Fermano per le possibili ripercussioni che le tensioni in atto fra Russia ed Ucraina potrebbero avere sulle relazioni commerciali con il nostro territorio, considerata la rilevante percentuale di esportazioni di calzature nell’Est europeo.

“Come imprenditori – prosegue il Presidente Squinzi – non possiamo ignorare che la Russia è un mercato strategico per l’approvigionamento energetico e fondamentale per le relazioni economiche e commerciali dell’Italia. Ciò ancora di più in una fase in cui la domanda interna langue e l’Europa stenta ad uscire da una prolungata recessione. Il recente cessate il fuoco ci fornisce speranze, ma siamo consapevoli che la situazione resta nel suo complesso assai delicata”.

“Condivido le tue preoccupazioni – conclude Squinzi rivolgendosi a Santori – e ti assicuro il mio massimo impegno affinché prevalgano soluzioni diplomatiche e le relazioni economiche subiscano il minor danno possibile”.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento