Tre anni di noi, il percorso di crescita della Clinica Oncologica di Ancona

ANCONA –  “Sogniamo un futuro migliore e lo costruiamo insieme con professionalità, impegno, perseveranza e con tanto, tanto cuore.” E’ racchiuso in questo concetto espresso ad Ancona a margine dell’iniziativa “Tre anni di noi” dalla prof.ssa Rosanna Berardi Direttore della Clinica Oncologica, il lavoro che la vede ogni giorno in prima linea – insieme alla sua equipe – nella cura e nella prevenzione dei tumori.

Un percorso non sempre facile ma che ad oggi ha già ottenuto risultati importanti come l’inaugurazione il prossimo 1 aprile del corso di perfezionamento universitario in operatore in oncologia.

“E’ stato fortemente voluto – aggiunge la Berardi – dalle associazioni che compongono Marcangolo, la rete di associazioni di volontariato marchigiane e derivante da un impegno preso dall’Università, dal Rettore, dal Preside, dalla sottoscritta e da tutti coloro che hanno colto l’esigenza di un bisogno formativo che fosse di qualità per le persone il cui compito è quello di assistere i nostri pazienti. In realtà – sottolinea la Berardi – la Breast Unit funziona quando realmente un gruppo di professionisti si mettono a disposizione dei pazienti e lo fanno attraverso un percorso che sia ben costruito, ben contestualizzato, che sia efficace. E non è un caso che là dove ci sono tutti questi ingredienti, si abbia un impatto sulla vita delle persone con un aumento di sopravvivenza che può arrivare al 18% in più”.

Una bella notizia che anticipata in occasione dell’8 marzo, festa delle donne, rappresenta un valore aggiunto.

“Cerchiamo di non fare celebrazioni astratte – ha tenuto a precisare Michele Caporossi Direttore Generale Ospedali Riuniti di Ancona – ma qualcosa di concreto, una rendicontazione di un percorso che è stato iniziato per dare una risposta alla medicina di genere, che riguarda le donne. La medicina di genere rappresenta un’altra frontiera che va affrontata anche attraverso momenti come questi, di socializzazione, per far capire la portata di una strategia di personalizzazione delle cure che noi abbiamo in testa e dove le differenze tra i professionisti si sono assottigliate lasciando spazio ad un confronto costruttivo che vede i pazienti al centro di ogni interesse”.

Un plauso a quanto fatto, anche da parte del Presidente della Regione Luca Ceriscioli che ha voluto essere presente all’incontro. Ad allietare la giornata di lavori, l’esibizione del coro delle “Dragonesse” (pazienti ed ex pazienti) della Clinica Oncologica diretto dal maestro Andrea Celidoni.

 

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...