Tutta l’Italia calcistica festeggia gli 80 anni di Carlo Mazzone, ascolano d’adozione

ASCOLI –  “Grazie a tutti, non mi avete dimenticato, ma preferisco festeggiare il mio compleanno in famiglia lontano dai riflettori”. Così Carlo Mazzone si appresta a festeggiare, domenica, il traguardo degli 80 anni. Da Trastevere ad Ascoli passando per Firenze, Catanzaro, Lecce, Cagliari, Roma, Napoli, Perugia, Brescia, Bologna e Livorno per citare solo le città dove ha allenato in serie A. Carlo Mazzone, il “re” degli allenatori italiani con il record delle panchine in massima serie (795) domenica compie 80 anni. Mezza Italia “calcistica” è pronta a festeggiarlo, anche se il diretto interessato ha scelto, a dieci anni di distanza dal ritiro, una più tradizionale festa in famiglia con la moglie Maria Pia, i figli Massimo e Sabrina, i nipoti Alessio, Iole e Vanessa e il pronipote Cristian. Da Roma sono attese anche le sorelle Anna, Laura e Maria. Da Totti, “svezzato” a 16 anni proprio dal mister trasteverino considerato un secondo padre dal campione giallorosso, a Baggio, Guardiola, Pirlo, Signori, Balbo, Fonseca, Materazzi, Conte, Toni, Antognoni, Giannini, Ranieri: sono tantissimi i campioni allenati in campo da mister Mazzone. Per lui stravedono Roby Baggio, che legò contrattualmente la sua permanenza a Brescia a quella dell’allenatore romano, e Pep Guardiola che considera Mazzone il suo “maestro” e che in occasione della finale di Champions disputatasi a Roma nel 2008 lo invitò personalmente all’Olimpico. Imponente anche la “colonia” di allenatori forgiati dallo stampo mazzoniano: oltre a Guardiola ci sono anche Ranieri, campione in carica della Premier League, Calori, Mandorlini, Nicolini, Bisoli, Iachini, Menichini, Novellino e altri. Ma nel cuore di Mazzone, oltre ad Ascoli che l’ha “adottato” quasi sessanta anni fa, c’è sempre la Roma e in particolare Francesco Totti.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento