Un amore senza frontiere: i Polovers al gate per Cracovia


ANCONA I Polovers ripartono di buona lena, con spirito rinnovato e forti di nuove amicizie. San Valentino è alle porte e gli innamorati di Polonia animati dall’Associazione Italo-Polacca delle Marche e dai promotori di Firmissima si preparano per festeggiarlo al meglio.

Non solo il 19 febbraio si terrà a Loreto una celebrazione bilingue cui sarà invitata la Polonia marchigiana, ma è anche allo studio un nuovo evento per coltivare relazioni e creare ponti, in linea con la propria mission. Dopo il debutto lo scorso anno al Museo Pontificio Santa Casa, reso possibile dall’Arcivescovo Prelato di Loreto, S.E.Rev.ma Mons. Fabio Dal Cin, toccata la città eterna, è ora la volta di approdare finalmente nell’amata Polonia.

Il buon esito dell’incontro all’Istituto Polacco di Roma conferma anzi la fiducia nella bellezza dello strettissimo rapporto fra Italia e Polonia e fornisce lo stimolo a mettersi di nuovo in movimento. A novembre il direttore Łukasz Paprotny aveva infatti gentilmente ospitato i Polovers nelle sale di palazzo Blumenstihl sul lungotevere Vittoria Colonna con diversi relatori internazionali per la presentazione al pubblico del volume curato da Francesca Ceci e Cristina Gorajski “Due Regine innamorate di Polonia: Bona Sforza d’Aragona e Maria Casimira Sobieska” (ed. Archeoares).

Oggi, seguendo lo stesso fil rouge della conoscenza, i Polovers raccolgono l’invito dell’illustre amico Ugo Rufino già presente a Roma, all’Istituto Italiano di Cultura a Cracovia. L’occasione è propizia per regalare al proprio amore un momento indimenticabile nella Città Reale polacca, fra le più suggestive e antiche della nazione, che ne fu capitale per oltre 5 secoli e in cui Bona Sforza stessa regnò.

Sono in preparazione tre serate dedicate alle Marche e ad alcune eccellenze della regione, rappresentate attraverso progetti storico-culturali e itinerari turistici sulle tracce di Polonia fra l’Adriatico e i Monti Sibillini. Saranno accompagnate da degustazioni di prodotti tipici con interventi istituzionali, di operatori economici e numerosi innamorati italo-polacchi. Fra questi segnaliamo l’Accademia di Belle Arti e Design Poliarte di Ancona, che proprio nel 2022 celebra il 50° anniversario della fondazione e che per l’occasione coinvolgerà le Accademie di belle arti e design partner di Cracovia e Stettino.

Sarà naturalmente attivata anche la sintonia diplomatica fra i due Paesi, in particolare la storica cordialità fra il consolato onorario d’Italia a Cracovia e l’omologo di Polonia nelle Marche, confidando nell’interesse dell’Ambasciata Italiana a Varsavia.

Ad ampliare gli orizzonti dei Polovers contribuirà il ripristino da metà marzo del comodissimo collegamento aereo diretto Ancona-Cracovia-Ancona operato da Ryanair dall’aeroporto Raffaello Sanzio. Da qui la delegazione marchigiana si alzerà in volo per raggiungere il celeberrimo Rynek Główny, cuore pulsante del primo sito UNESCO in Europa e primo centro abitato patrimonio dell’umanità al mondo (1978).

Tutti gli aggiornamenti sul sito polovers.it

Commenti

commenti

Articoli Correlati

Loading...