Un viaggio nel mondo incantato con il prof. Antonio De Signoribus

SAN BENEDETTO – L’incontro dello scrittore e filosofo Antonio De Signoribus presso la libreria Mondadori del CorridoMnia shopping park di Corridonia non ha certo deluso le attese, anzi. Antonio De Signoribus ha tracciato, prendendo in considerazione il suo libro Fiabe e Leggende delle Marche ( Newton Compton Editore) un quadro esauriente sulla fiaba popolare marchigiana e sulla sua valenza psicologia.

La fiaba, infatti, nella sua ricchezza e semplicità é una manifestazione umana molto seria e di valore universale, che accompagna da sempre la storia  dell’uomo ed è presente presso tutti i popoli della terra.  Le fiabe sono, insomma, di natura migratoria: viaggiano nel tempo e nello spazio, attraverso secoli e continenti, ma anche attraverso strati sociali, descrivendo di volta in volta un itinerario di discesa e di ascesa, catturando nel circuito di una narrazione che si riproduce e trasforma incessantemente  gli ascoltatori in narratori e viceversa.

“Le situazioni delle fiabe – ha sottolineato Antonio De Signoribus citando Bruno Bettelheim, uno dei massimi esperti di psicologia infantile- nel rispecchiare la visione magica e animistica che il bambino ha delle cose, i suoi stupori, le sue paure, i suoi desideri impossibili, esorcizzano incubi sepolti nell’inconscio, placano paure einquietudini, aiutano a superare insicurezze, ad accettare responsabilità…con un linguaggio non realistico che è l’unico da lui pienamente recepibile. Ecco perché  i bambini hanno bisogno delle fiabe popolari  e del loro mondo incantato per crescere bene”.

Nel corso dell’incontro, ben moderato dal dr. Francesco Liberati, ci sono state poi letture tratte dal libro di De Signoribus  e una degustazione autunnale ispirata alle fiabe.

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...