Concorso di Poesia

Ascoli Piceno – Si consegnano gli attestati per l'”Orto di Casa Mia”

Ascoli Piceno - Si consegnano gli attestati per l'"Orto di Casa Mia"

L’appuntamento è per domenica mattina, 9 novembre, alle ore  9.30/10.00, a Campolungo, presso l’ex Regoli, dove si trovano i tre ettari che l’Amministrazione Comunale ha destinato ad orti sociali.Una iniziativa varata dal nostro Comune lo scorso anno e che ha riscosso un notevole successo.”Siamo stati spinti dall’idea dell’agricoltura come opportunità – sottolinea il sindaco Guido Castelli – per dare una mano a chi è senza lavoro o con reddito molto basso e allo stesso tempo per mettere a frutto dei terreni che altrimenti  sarebbero stati incolti”.Gli orti urbani sono appezzamenti di terreno, di proprietà comunale, destinati alla coltivazione di piante da frutto, ortaggi, erbe aromatiche, fiori e che sono stati messi a disposizione, con un regolare bando, di aspiranti ortolani e giardinieri.Diversi gli obiettivi, dalla valorizzazione delle aree, al costante presidio delle stesse alla promozione della cultura dell’alimentazione tradizionale, alla riscoperta delle varietà tipiche e far conoscere alle nuove generazioni l’importanza di una buona agricoltura e il lavoro dell’agricoltore.Il terreno, di oltre 3 ettari, è stato assegnato a due associazioni che hanno risposto all’avviso: la Agrivalore e la LILT  che hanno proceduto all’assegnazione di frustoli di 300 mq ad aspiranti agricoltori e giardinieri.”Si tratta di una iniziativa di alto valore sociale – dice l’assessore ai  Servizi  Sociali, Donatella Ferretti – che riconosce ai cittadini la possibilità di partecipazione, organizzazione e gestione degli spazi pubblici, quali appunti gli orti, per finalità ambientali e di solidarietà economica e sociale. Una iniziativa che può creare inoltre interazione tra le persone, portando alla nascita di reti informali di scambio e aiuto e un maggiore senso di appartenenza al territorio”.Per quanti hanno avuto in gestione un frustolo di terreno, un corso di formazione tenuto dall’associazione “Chi mangia la Foglia”. Emblematico il nome del corso: “L’Orto di casa mia” e che ha visto agronomi professionisti insegnare le tecniche migliori per la cura degli orti.Il corso, che si è tenuto presso la sala Ugo Toria, ha trattato tecniche di costruzione, compostaggio e irrigazione e sulle tecniche colturali di orti e piante da frutto, la gestione dell’orto nelle quattro stagioni e, infine le avversità delle piante con riconoscimento, prevenzione e terapia nonché la gestione dell’orto sinergico in giardino e in terrazzo. Domenica 9 novembre, uscita didattica con test conclusivo e consegna degli attestati.

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento