Concorso di Poesia

Ascoli Piceno – Si è svolto il seminario “Resilient Landscape for cities of the future”

Ascoli Piceno - Si è svolto il seminario "Resilient Landscape for cities of the future"
Il paesaggio come indicatore per capire lo stato di salute del territorio, ma non solo. Attraverso tecniche all’avanguardia e confronti con le altre realtà europee, il paesaggio potrà diventare un elemento chiave per lo sviluppo delle città sotto tanti di punti di vista. Ecco il senso del seminario internazionale “Resilient Landscape for cities of the future” svoltosi ad Ascoli Piceno, presso Palazzo dei Capitani nelle giornate del 13 e del 14 aprile. L’incontro, organizzato dalla Scuola di Architettura e Design dell’Università di Camerino in collaborazione con il comune di Ascoli Piceno, fa parte del circuito Uniscape-En Route ed è stato tenuto in lingua inglese.
“Esprimo gratitudine a coloro che hanno organizzato questo seminario all’ombra delle Cento Torri, perchè credo che il paesaggio sia un elemento fondamentale per lo sviluppo cittadino, legando così modernità ed ambiente – afferma il sindaco di Ascoli Piceno Guido Castelli – Per fare ciò ovviamente, sono due le questioni da prendere in considerazione e da affrontare. La prima riguarda la sostenibilità economica di tali processi, e a mio parere, non è impossibile. Successivamente poi, si deve effettuare una profonda azione culturale che solleciti componenti antropologiche e faccia permeare idee e paradigmi di crescita, anche per la città di Ascoli Piceno”.
Entrando dello specifico, nel seminario docenti ed esperti del settore hanno illustrato agli studenti presenti, Il concetto di resilienza nelle politiche locali e in quelle globali  e le differenti chiavi di lettura per interpretare il cambiamento. A seguire, nelle sessioni parallele, si è lavorato sul paesaggio come strumento per disegnare una nuova forma della città, per superare la crisi, diventando laboratorio del buon vivere in un progetto comunitario.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento