Federparchi Marche – Prima giornata degli Stati generali delle Aree Protette

Federparchi Marche - Prima giornata degli Stati generali delle Aree Protette

Chi guarda all’ ambiente guarda al futuro’, Giancarlo Sagramola, sindaco di Fabriano ha aperto con queste parole gli Stati Generali delle Aree Protette ‘La natura: bene e risorsa per l’ Italia’, presso la sede dell’ Oratorio della carità, nella città di cui è il primo cittadino. Con un riferimento alla questione della Comunità montana, che in questi giorni sta tenendo banco, è entrato anche nel vivo del tema al centro degli Stati Generali: ‘le resistenze culturali –ha detto- non ci fanno guardare avanti, il bene terra è un valore primario che va tutelato’. Sagramola ha portato un dato importante su tutti: ‘se contiamo anche le riserve e le zone di ripopolamento, il territorio regionale protetto è del 20% ed un’ iniziativa come questa significa andare verso la strada giusta’. Il Presidente Fabrizio Giuliani, di Federparchi Marche invece, ha ricordato le vicissitudini dei Parchi negli ultimi mesi e le battaglie intraprese da Federparchi: ‘ed alla fine –ha spiegato- si è vinta la battaglia di civiltà. Dopo il congresso di Alberese due anni or sono ed un percorso intrapreso con il Ministero, il ruolo dei Parchi è stato ridisegnato e gli Stati generali sono sia un punto di arrivo, che di partenza. Attualmente siamo di fronte alla necessità di un cambiamento radicale che metta in discussione comportamenti radicati e, la politica, deve seguire queste indicazioni’. Della necessità di conservare la Biodiversità ha parlato l’ Assessore Maura Malaspina: ‘perché è una grande opportunità di investimento ed occupazione’. Ha portando anche una lista di esempi di progetti diretti dalla Regione Marche in materia ambientale. Ha ricordato il congresso mondiale dei Parchi di Sidney Giampiero Sammuri, Presidente Federparchi Europarc mentre, secondo Aldo Bonomi ‘le Aree Protette devono diventare, da nicchia a protagoniste e stare in mezzo tra la politica e l’ economia’. ‘I risultati ottenuti dai parchi marchigiani, -secondo Guido Guidi del Consorzio Maraviglia, esperto di turismo- con il primato della certificazione Cets, sono sicuramente da valorizzare ed è importante che iniziamo a comunicare all’ estero queste eccellenze, piuttosto che farci vendere fuori confine da organizzazioni estere che tendono a mantenere il turismo nei loro paesi, piuttosto che indirizzarli in Italia’. Nel pomeriggio gli Stati Generali sono proseguiti con 4 tavoli di lavoro sui temi: Nutrire il pianeta, energia per la vita; Progetti e sistemi territoriali, Governance, comunità e cittadini; Ecosistemi, Biodiversità ed Aree Protette: valorizzare per tutelare. Le proposte scaturite da questa giornata, saranno lo spunto per la tavola rotonda moderata dal giornalista Massimo Carboni, che domani vedrà la presenza di: Ermete Realacci Presidente Commissione Ambiente Camera dei Deputati, Gianmario Spacca Presidente Regione Marche,Giampiero Sammuri Presidente Federparchi-Europarc, Massimo Depaoli del Coordinamento ANCI Comuni Aree Naturali Protette, Donatella Bianchi Presidente WWF Italia, Vittorio Cogliati Dezza Presidente Legambiente, Umberto Martini Presidente Club Alpino Italiano, Giuliani Fabrizio Presidente Coordinamento Federparchi Marche, Renato Grimaldi, Direttore Generale DGPNM del MATTM. Gli Stati Generali delle Aree Protette sono stati organizzati da Federparchi Europarc in collaborazione con la Regione Marche, e coordinati da Federparchi Marche, Legambiente, Comune di Fabriano e Comunità Montana dell’Esino–Frasassi ed ha tra i partners la Fondazione CR Fabriano e Cupramontana, ASSAM, Symbola e Unioncamere Italia.

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento