Fermo – Dopo 35 anni l’Aida rivive al Teatro dell’Aquila

L'Aida di Zeffirelli al Teatro dell'Aquila

 

Maestosa l’Aida di Franco Zeffirelli, seppur adattata ad un spazio relativamente piccolo come quello del Teatro dell’Aquila di Fermo.
Uno spettacolo che non ha disatteso la curiosità e l’interesse del pubblico delle grandi occasioni che ha riempito il teatro fermano, sotto lo sguardo severo e imponente dell'”Aquila in Volo” in ferro battuto, scolpita nella bottega dei Matacotta alla fine del XIX secolo.
Un’apertura di stagione di gala che nessuno si è voluto perdere, dal Presidente della Provincia Fabrizio Cesetti al Prefetto S.E. Angela Pagliuca, a tanti volti politici che si sono intrattenuti nella sala colazioni in attesa del grande spettacolo. Presente anche il giornalista europarlamentare David Sassoli, che ha condiviso il palchetto centrale con il sindaco Brambatti.
Un tripudio di colori e note, magistralmente dirette dal maestro concertatore Massimiliano Stefanelli che ha tenuto il pubblico incollato alle tragiche vicende di Radamès, Amneris e Aida, interpretati da tre monumentali attori con doti canore straordinarie.
Lunghissimi infatti i minuti di applausi a salutare la loro bravura, per un pubblico non ancora stanco dopo quasi quattro ore di spettacolo.
Un ritorno che emoziona quello dell’Aida a Fermo: la prima rappresentazione è datata 1887 in un teatro “Illuminato a Luce elettrica” e l’ultima rappresentazione, prima di quella di sabato sera, risaliva a 35 anni fa.

 

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento