La Casa della Memoria di Servigliano si prepara a celebrare la giornata del 27 gennaio

Il Campo di Prigionia di Servigliano

La Casa della Memoria di Servigliano si prepara a celebrare la giornata del 27 gennaio.
“E’ una giornata che deve essere occasione di riflessione per non dimenticare quello che è stato anche nella nostra provincia e nel nostro territorio, che ha contribuito in modo importante come resistenza civile e nel supporto al rifugio dei perseguitati” spiega il Presidente della Provincia Fabrizio Cesetti che ha fortemente voluto questo luogo fisico di ricordo che è la Casa della Memoria proprio a Servigliano dove è presente un campo che al tempo del nazifascismo ospitava 3.000 prigionieri.
” La gente del nostro territorio si impegnò rischiando anche la propria vita nell’accogliere e proteggere i prigionieri fuggiti e questa è una cosa che oggi ci fa onore ma ci dà l’impegno di educare affinchè quelle violenze non possano succedere mai più”.

Sono dunque due gli eventi previsti:
– MARTEDI’ 27 GENNAIO ore 21 Concerto della Memoria con i Maestri Ficara e Innocenti (Duo Diabelli – chitarra e pianoforte) al Teatro Comunale di Servigliano
– SABATO 31 GENNAIO ore 10.00 Seminario Incontro sulla Resistenza Civile nell’Aula Didattica Multimediale della Casa della Memoria

“La Casa della Memoria lavora per i valori della democrazia, della convivenza pacifica, della cultura” – spiega il Presidente Paolo Giunta La Spada – “Le presenze presso la nostra struttura sono in crescita, specie durante le mostre che vedono una forte affluenza da parte degli studenti non sono della nostra Regione. Abbiamo legami con le altre Case sia nazionali che internazionali, presenti laddove il fenomeno della Resistenza ha avuto spessore. La Giornata della Memoria – conclude Giunta La Spada – sta rischiando di perdere il suo vero significato: è un momento di lutto e di ricerca storica.”

Info e approfondimenti sulla realtà della Casa della Memoria di Servigliano

Indice campo

Commenti

commenti

Articoli Correlati

In caricamento...

Lascia un commento